Ominide 113 punti

La Famiglia italiana all'inizio del 2000: nuova struttura e cambiamenti nella società

La famiglia ha subito diversi cambiamenti che si sono potuti evidenziare negli ultimi decenni, ma soprattutto nel passaggio al nuovo millennio. Anche in Italia la famiglia si è modificata con l’avanzare del tempo, infatti, è cambiato il sistema di idee e di valori su cui si basava il nucleo familiare, tanto che, col nuovo millennio, la struttura della famiglia italiana si è decisamente trasformata. La famiglia tradizionale degli anni Cinquanta, basata sul matrimonio considerato come un'unione tra i coniugi, era composta dal padre che aveva la posizione predominante di capofamiglia in quanto era l'unico lavoratore, o comunque quello che lavorava di più; la moglie che si occupava dei lavori domestici e dei figli, che a quei tempi erano molto numerosi; infine i nonni o altri parenti stretti che vivevano tutti nella stessa casa. C'era una forte diversità tra i ruoli che dovevano ricoprire l'uomo e la donna, che è stata da sempre soggetto di discriminazioni. Le idee e i valori erano strettamente legati alla religione, infatti era uno scandalo avere un figlio fuori dal matrimonio dato che i rapporti sessuali erano ammessi solo tra coniugi. Le donne hanno iniziato a prendere coscienza dei propri diritti e dei possibili ruoli che avrebbero potuto svolgere grazie all'incremento dell'istruzione e alla crescita politica e filosofica che ha visto il nostro Paese negli anni successivi. Con i moti degli anni Sessanta e Settanta, si ha un drastico cambiamento dei ruoli: la figura del padre-capofamiglia scompare e, di conseguenza, il rapporto tra i coniugi diventa eguale, costruendo così una struttura familiare simmetrica all'interno della quale sia l'uomo che la donna collaborano per creare e sostenere la propria famiglia. Tutto questo si è raggiunto anche grazie all'emanazione dell'articolo 29 della Costituzione Italiana, con cui si definiscono i principi di uguaglianza tra i coniugi, si viene a formare la figura del minore emancipato e viene pubblicata la legge per il divorzio. Tutti questi fattori hanno portato alla famiglia moderna, con entrambi i coniugi lavoratori, con pochi figli e poco tempo libero da dedicare alla famiglia o allo svago.

Infatti, al giorno d'oggi sono in continuo aumento le donne in carriera, che lavorano quanto il marito. Visto e considerato che entrambi i genitori lavorano hanno acquisito più importanza i nonni, seguiti dalle baby-sitter. Un altro aspetto, che si è potuto evidenziare grazie alle indagini dell'Istat, è l'aumento dei genitori soli o divorziati, dei single per scelta, delle famiglie con un solo figlio o, addirittura, senza. Al contrario sono diminuiti i matrimoni, infatti come soluzione alternativa si è preferita la convivenza. Negli ultimi anni sono venute a formarsi anche nuove tipologie di coppie, come quella tra persone con grande differenza d'età o tra persone dello stesso sesso. Inoltre Si riscontra nei giovani una forte tendenza ad appoggiarsi al nucleo famigliare, evitando la dura scelta di una vita lavorativa e indipendente, preferendo restare nella casa dei genitori che viene ritenuta più comoda e più conveniente. In conclusione si può notare come le famiglie italiane siano sempre più orientate verso il lavoro anziché verso la famiglia; questo ha fortemente tramutato e ridimensionato la struttura che stava alla base del nucleo famigliare facendo così sparire quella che per decenni era la nostra famiglia tradizionale.

Hai bisogno di aiuto in Saggi brevi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email