sbardy di sbardy
Admin 22784 punti

Giusto o sbagliato clonare gli animali in previsione di clonare gli uomini?
Il 5 luglio del 1996 si è dato il via al discorso clonazione su larga scala, con la pecora Dolly, ormai il clone per antonomasia. La sua nascita annunciata dal "padre" Ian Wilmut è stata divulgata come evento entusiasmante ed incredibile, ma poi, passati i primi bollori, l'entusiasmo si è tramutato in paura e si è cominciato a vedere quell'evento come spaventoso e mostruoso.
Il perché è semplice ma fondato: i ricercatori sostengono che presto potrebbe arrivare il turno dell'uomo. Ecco perché la clonazione fa paura, "rompe il tabù dell'unicità dell'individuo."
È uno scenario apocalittico che finora si è visto nei film fantascientifici, dove eroi morti tornano in vita per distruggere il mondo. Nella maggior parte dei discorsi sulla clonazione umana si accenna al fatto di poter resuscitare i morti, e altrettanto spesso si fa il nome di Hitler, temendo il ritorno del nazismo. Ma ecco che gli scienziati unanimemente intervengono insegnando che un essere clonato non dovrebbe necessariamente intraprendere la stessa strada del precedente. Il comportamento, la personalità ed alcune caratteristiche fisiche sono altamente influenzati dall'ambiente in cui vive e da cui trae il proprio stile di vita. La genetica e l'ambiente sono in continua interazione, così un nuovo Hitler potrebbe diventare anche ispettore di polizia o un sacerdote.

La clonazione degli animali oggi è al centro di infinite discussioni e può essere vista come un progetto da ampliare o come un capitolo da chiudere immediatamente della scienza. L'ingegneria genetica già prevede gli xenotrapianti (innesto di organi animali in un organismo diverso), ad esempio utilizzare organi di maiale o di scimmia nell'uomo. Ma questo può essere considerato bene? A sentire il CSA (Comitato Scientifico Antivivisezione) no. In un comunicato stampa del giugno del '99, il CSA "esprime il massimo dissenso" per decisione di procedere alla clonazione animale presa dal CNBB (Comitato nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie).
Il Consiglio dei Ministri dell'Unione Europea ha vietato l'allevamento in Europa di animali modificati geneticamente, se non nei laboratori, come esperimenti; alcuni giorni dopo questa decisione, il CNBB ha dato il via libera alla clonazione. La clonazione di animali non è del tutto sicura sotto l'aspetto medico, alcune malattie virali possono essere trasmesse indipendentemente dal metodo usato. Siamo stati testimoni dell'epidemia della diossina tra i polli e della "mucca pazza". Queste sono solo due mutazioni alimentari e hanno causato gravissimi danni e hanno fatto ragionare il mondo su possibili mutazioni genetiche. Alterare i livelli della natura ha sempre portato gravi conseguenza (come, ad esempio, il buco dell'ozono)e alterare geneticamente gli esseri che popolano la Terra potrebbe avere conseguenze che coinvolgerebbero l'intero pianeta.

Ma perché clonare gli animali?
I motivi sono molti, giusti o sbagliati che siano, e molti di questi non rispettano totalmente l'etica e la morale. Il più lampante è sicuramente quello di usare gli animali geneticamente modificati per estirpare la fame nel mondo. Più precisamente: oltre a portare animali dove ce n'è bisogno, possono essere "trasformati" e resi più produttivi e inattaccabili dalle malattie, diventerebbero delle "macchine" che producono cibo.
Questo sfruttamento può essere allettante se si pensa che può essere alleviata, forse, la piaga più dolorosa del mondo o che si possono salvare molte specie dall'estinzione, ma creare animali con l'unico scopo di usarli solo ed esclusivamente per questo scopo; questi aspetti non ci fanno sentire molto onesti. Comunque il Consiglio dei Ministri Europeo se n'è reso conto in tempo.
Dato che ancora non si conosce la clonazione in tutte le sue sfumature, questa la tecnica, gli animali clonati sono usati come cavie nei laboratori per poterli studiare; e qui le associazioni animaliste combattono dalla mattina alla sera. La scienza, in ogni modo, promette che grazie alla clonazione tra non molto potranno esserci organi pronti per il trapianto senza dover aspettarli in lunghe liste d'attesa.
E non dovranno essere necessariamente organi provenienti da animali, come fino ad oggi si è detto: molti scienziati stanno lavorando a progetti per la creazione, tramite la clonazione, a umanoidi privi di encefalo, proficua e preziosissima banca di organi.
Tra i sostenitori di quest'ipotesi troviamo lo scienziato americano Lee Silver della Princeton University, che ha dichiarato la clonazione dell'uomo essere ormai una certezza per il prossimo futuro.

In un'intervista rilasciata al Time nel gennaio del 1998 ha esposto i suoi discutibili intenti. Ha usato queste parole: "Sarebbe quasi certamente possibile produrre corpi umani privi di encefalo. Questi corpi umani privi di qualsiasi coscienza non sarebbero considerati persone, e tenerli in vita come futura risorsa di organi sarebbe perciò perfettamente legale". Ha aggiunto anche: "...Non vedo cosa ci possa essere di filosoficamente errato o razionalmente sbagliato in questo...".
Sono affermazioni molto dure e che fanno pensare leggendole. L'ultima affermazione non sembra mettere in buona luce la questione; Lee Silver liquida la discussione in modo troppo superficiale, non può cavarsela semplicemente facendo sembrare "normale" e "naturale" creare essere umani senza cervello solo per usare i suoi organi.
Allora la scienza se si dichiara disposta ad usare la biotecnologia per creare esseri anencefali con lo scopo di prelevare solo gli organi, non sembra essere così riguardevole e rispettosa dell'essere umano e dell'etica annessa. Da questo discorso di etica e biotecnologia, bisogna dedurre che il fine ultimo della clonazione animale sia la clonazione umana?

Una risposta certa arriva dalla Chiesa, anche se alcuni suoi membri non sono totalmente concordi con il Pontefice. Il Papa si è sempre dichiarato contro le "moderne sperimentazioni che calpestano la dignità umana e mancano di rispetto alla vita". Non totalmente d'accordo troviamo il Cardinale Tonini, che afferma che "i trapianti transgenici sono la via del futuro".
Comunque la Chiesa non ammette tanti compromessi, è contraria assolutamente al trapianto transgenico, alla clonazione, e alle alterazioni genetiche, prerogativa del Creatore.

La clonazione oltre al poter portare problemi nell'applicazione del metodo e alle creature interessate, ne porterebbe anche a chi avrebbe la possibilità di scegliere se usarla o no. Ad esempio, come evitare che una coppia che ha perso un figlio incidentalmente non richieda alla clonazione di rimpiazzarlo con un esemplare uguale? Può sembrare atroce, ma l'amore talvolta può portare a situazioni estreme: una coppia potrebbe decidere di avere un figlio esattamente uguale ad uno di loro. Nel caso siano presenti malattie ereditarie nel corredo genetico di un genitore potrebbero essere corrette con l'intervento della biotecnologia. Sarebbe, inoltre, spaventoso il caso di una persona che avesse bisogno di un trapianto d'organo e che, per tale necessità, si facesse fabbricare una copia esatta di se stesso per non incorrere nel rischio del rigetto immunologico. Sarebbe possibile estrarre un organo da un feto, farlo crescere in vitro fino alle dimensioni richieste per poi sostituirlo a quello danneggiato. I problemi e le questioni da risolvere sono ancora molti.

Tornando al discorso degli xenotrapianti, sorge una domanda molto ovvia: un organo animale e uno umano funzionano in modo diverso, hanno dimensioni e resistenza differenti. Sono totalmente compatibili?
Gianni Tamino, professore di biologia a Padova e membro del CSA, è un po' perplesso, sottolinea che il maiale, ad esempio, cammina a quattro zampe e noi no, la postura è diversa, ma con qualche modifica tutto è possibile. Invece Emanuele Cozzi, ricercatore alla Cambridge University e consulente della Imutran, società che sviluppa un tipo di animali transgenici con patrimonio genetico modificato in modo da risultare immunologicamente più vicino all'uomo, afferma: "…non abbiamo ancora esperienza nell'uomo, dagli studi svolti finora sui primati ci rendono ottimisti: scimmie con organi di maiale riescono a vivere per parecchi mesi". Speriamo che l'ottimismo aumenti. Ma i due studiosi confidano che esistono anche altre vie di ricerca oltre la clonazione e, cosa molto importante, che la clonazione non è da prendere come rimedio. Bisogna ricordare il detto "Prevenire è meglio che curare", poter prevenire con tecniche meno incisive, ridurrebbe il bisogno di xenotrapianti.

Ufficialmente l'uomo ancora non è stato clonato, ma ci siamo vicini. Nel dicembre del 1998 su "la Repubblica" è apparso un articolo dal titolo "Un embrione umano in fase iniziale - Test di clonazione umana all'Università di Seul". Avvenne che un'équipe di scienziati sudcoreani annunciò di aver compiuto importanti progressi nella clonazione di cellule umane, finalizzata nella creazione di organi per trapianti. Si sparse la voce anche della creazione di un embrione umano in fase iniziale. Usando la cellula uovo di una donna volontaria e il nucleo di altre cellule della volontaria, gli scienziati riuscirono a farla crescere sino a dividerla in quattro, fase iniziale della creazione della cellula umana. L'esperimento venne diretto dal professor Lee Bo Yeon dell'Università Kyonghee di Seoul, è stato poi interrotto per rispettare l'impegno di non clonare un essere umano, preso nel '93 nella Corea del Sud. Il procedimento usato dall'équipe è detto "tecnica di Honolulu", nome derivante dall'esperimento eseguito nell'Università delle Hawaii dove sono state create 50 copie identiche di un topo. Se si fosse voluto proseguire nell'esperimento di Lee, le cellule sarebbero dovute essere impiantate nell'utero ospitante per farla sviluppare e diventare una cellula formativa, in altre parole quella da cui si producono tutti gli organi e i tessuti umani. Lee ha affermato che "la clonazione di embrioni umani dovrebbe essere incoraggiata in modo che la ricerca possa creare cuori e altri organi per aiutare l'umanità". Ma l'annuncio del suo esperimento suscitò molte proteste a Seul degli attivisti religiosi protestarono davanti all'ospedale universitario di Kynghee; chiesero di interrompere gli esperimenti e di "chiedere scusa all'umanità". Ora, letto questo e chiarito un po' le idee, non resta che rispondere alla domanda:

È giusto o sbagliato clonare animali in previsione di clonare gli uomini?

A voi la risposta.

Fonti:

* www.newton.rcs.it
* www.repubblica.it
* www.corriere.it
* www.pillole.com
* www.antivivisezione.it

Registrati via email