Ominide 2387 punti

5. Saldatura: è un collegamento di parti solide che dà continuità al materiale e presuppone la fusione delle parti in cui viene fuso il materiale d'apporto. Questa comporta un basso costo, non buca l'elemento e ne permette un comportamento monolitico. Se ben fatta la rottura dell'elemento può avvenire in un punto qualsiasi (se ho un elemento molto lungo, in fase di saldatura devo fissare dei punti per evitarne la deformazione). Può essere di vari tipi:
- Brasatura: avviene con l'ausilio di un metallo d'apporto senza la fusione dei pezzi da assemblare. Il metallo d'apporto penetra per capillarità fra i pezzi da assemblare che poi vengono compressi.
- Ossiacetilenica: l'energia viene fornita dalla combustione di acetilene in ambiente fortemente ossidante, sfrutta la fusione di alcuni pezzi con un combustibile e, una volta ridotti allo stato pastoso (3000°C) vengono uniti per pressione
- Elettrodo protetto: (più diffusa) Quando si porta l'elettrodo ad una distanza opportuna dal pezzo scocca l'arco elettrico, che fonde il materiale metallico dell'elettrodo, il rivestimento ed il metallo del pezzo che deve essere saldato. Il saldatore sposta manualmente la pinza. Al termine bisogna scalpellare la crosta che si forma ed economicamente è più dispendioso

- Attrito: allo stato solido per leghe in alluminio
- Arco sommerso: l'elettrodo è un filo continuo e sommerso in un materiale solido granulare che fonde e lascia una scoria di protezione sul cordone di saldatura

Hai bisogno di aiuto in Tecnica delle costruzioni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email