Ominide 2387 punti

La corrosione è un processo di consumazione lenta e continua che rovina il materiale e lo fa aumentare di volume, e può essere:
- atmosferica, nella quale l'ossidazione è un processo spontaneo che porta al degrado i metalli e la ruggine ne è il prodotto che fa staccare il materiale in scaglie (si stima che il 25% dell'acciaio prodotto si usa per sostituire quello rovinato). A temperatura ambiente quasi tutti i metalli tendono a reagire con l'ossigeno, ossidandosi mentre lo zinco e l'alluminio formano una pellicola che li rende impermeabili
- galvanica, nella quale, a causa di forze elettrochimiche, i metalli tendono ad abbandonare il loro stato energetico per raggiungerne uno con bassa energia potenziale con conseguente caduta prestazionale. In base al potenziale elettrico si dividono in nobili ( maggiori di 0) e attivi (minori di 0). Quando un materiale è a contatto con un altro si avrà uno scambio di elettroni, per evitarlo viene messa una protezione (anodo sacrificale), spesso in magnesio (che non corrode l'acciaio) che si corrode e che viene cambiato ogni tanto.

L'incrudimento è la capacità dei ferri di aumentate la propria resistenza meccanica e a perdere duttilità per effetto della deformazione plastica, ma se lo riscaldo si distribuisce la struttura dell'acciaio in maniera omogenea.

Hai bisogno di aiuto in Tecnica delle costruzioni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email