Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Preistoria (3)

Riassunto molto sintetico sulla preistoria: il significato del termine e la comparsa dei primi ominidi capaci di forgiare strumenti in pietra

E io lo dico a Skuola.net
La preistoria

• Con il termine “preistoria” si indica convenzionalmente il periodo che precede l’invenzione della scrittura (avvenuta attorno al 3000 a.C. per opera dei Sumeri), da cui si vuole far iniziare la “storia”. Tra i 7 e i 5 milioni di anni fa comparvero i primi esseri viventi di tipo “umano” (gli ominidi), di cui possiamo ricostruire l’aspetto e le caratteristiche fisiche grazie alla scienza che studia appunto le antiche forme umane (la paleoantropologia). A quattro milioni di anni fa risalgono gli Australopitechi, gli ominidi in grado di camminare in posizione quasi eretta, appartenenti alla specie detta ‘sapiens’ e alla sottospecie ‘sapiens sapiens’, comparsa circa 40 000 anni fa.

• A partire dalla comparsa dei primi ominidi capaci di forgiare strumenti in pietra ha inizio “l’età della pietra”. Quest’età viene solitamente divisa in tre fasi di durata estremamente diversa. Durante al prima, il Paleolitico (età della pietra antica, durata fino al 10 000 a.C. circa, l’umanità sopravvisse allo stato nomade. Nel Mesolitico (età della pietra di mezzo) vennero addomesticati i primi animali e si formarono i primi insediamenti sedentari. Nel neolitico(età della pietra nuova) ebbe luogo una vera e propria rivoluzione tecnologica, economica e sociale con l’introduzione dell’agricoltura (nel Vicino Oriente, in Cina e in Messico ciò avvenne attorno all’800 a.C.; in Europa attorno al 4 000 a.C.).

• L’interesse maggiore dello studio della preistoria consiste nella possibilità di seguire la vicenda del rapporto tra specie umana e ambiente. Conoscere i periodo della preistoria può risultare di fondamentale importanza per il nostro futuro.
Registrati via email