Cronih di Cronih
Genius 23969 punti

I primati sono un’ ordine di mammiferi comparsi circa 60 milioni di anni fa. A seguito di mutamenti climatici i primati si divisero, e certi rimasero nelle foreste, altri invece si ritirarono nella savana che richiedeva abilità diverse. Quindi non si può dire che l’uomo derivi dalla scimmia, perché ha avuto dei progenitori in comune che però intrapresero percorsi diversi, dando vita a due famiglie separate.
Circa 4.2 milioni di anni fa comparve l’Australopiteco, di cui i resti sono stati ritrovati nell’Africa centro-orientale. Questo era un ominide capace di avere un posizione eretta, e quindi di saper camminare sulle gambe, che funzionalmente sono diverse dalle braccia. Nel 1974, in Tanzania, una spedizione scientifica scoprì un corpo di Australopiteco ancora intatto, appartenuto ad una femmina alta circa 1.30 e di circa 30 kg.
La specie incomincia ad evolversi e circa 2.5 milioni di anni fa compare l’Homo Habilis, con una capacità cranica di circa 600-800 cm, era in grado di costruire strumenti rozzi. Alcuni scavi in Kenia hanno riportato alla luce degli scheletri di questa specie. Homo Habilis elaborò anche la specializzazione dei compiti: l’uomo andava a caccia e la donna allevava i piccoli e raccoglieva verdura. L’Homo Erectus compare circa 1.5 milioni di fa , dal punto di vista della capacità cranica era a metà tra le scimmie antropomorfe e l’uomo attuale.

L’Homo Erecuts fece una conquista straordinaria, la scoperta del fuoco, ed era anche probabile che fosse in grado di comunicare. Resti di Homo Erectus sono stati ritrovati in Africa, Cina e Europa. Durante il lungo periodo in cui visse l’Homo Erectus, altre specie si differenziarono e diedero origine all’Uomo di Neanderthal, comparso circa 300 000 anni fa. Aveva la capacità cranica pari a quella di un uomo attuale. Abitava in caverne nelle quali è stata ritrovata una ricca gamma di utensili, inoltre consolidarono i legami familiari e di gruppo, ed usavano seppellire i morti. Già 40 000 anni fa, una nuova popolazione si era diffusa in tutta Europa: l’Homo Sapiens o di Cro- magnon (nome della località francese in cui è stato ritrovato nel 1868). Una particolarità dell’Homo Sapiens è che riusciva a raffigurare animali e scene di caccia, scoperte nelle caverne di Lascaux. L’Homo Sapiens è stato l’unico ad essere stato in tutti i continenti.

Registrati via email