Ali Q di Ali Q
Mito 23936 punti

Il Settecento

Pochi secoli hanno rappresentato un’epoca di profondi cambiamenti nella direzione del progresso come il ‘700.

In campo economico, i borghesi si affermano sempre più quali piloni portanti, non solo per quanto riguarda il commercio o la manifattura, ma anche nell’agricoltura.
E’ alla fine di questo secolo, poi, che la rivoluzione industriale in Inghilterra segnerà la nascita dell’economia contemporanea nel mondo occidentale.

Sul piano culturale, si diffonde in tutta Europa l’illuminismo, che reclama l’uso della ragione contro le credenze indimostrate del passato.

Sul piano scientifico, invece, l’uomo si avvicina allo studio della natura senza più condizionamenti religiosi, ponendo così le basi della “scienza moderna”.
Per la prima volta, si cerca anche di non limitare più innovazioni e conoscenze ai soli dotti ed intellettuali, ma di diffondere le nuove idee e le nuove scoperte ad un pubblico che diventa via via sempre più ampio, e questo grazie anche alle idee illuministe, secondo cui, almeno in potenza, ogni uomo è portatore di valori intellettuali.

In campo politico, le monarchie assumono invece un regime assolutistico, diventando così sempre più lontane dall’idea di una sovranità popolare.
Fa eccezione a tutto questo l’Inghilterra, che è una monarchia parlamentare.

Il settecento è anche un’epoca di grandi guerre e sconvolgimenti politici in Europa, in larga parte dovute allo scontro tra il potere tradizionale e le nuove aspettative della società civile che si va pian piano affermandosi.

Registrati via email