kit-kat di kit-kat
Ominide 70 punti

Rivoluzione industriale e collegamenti

Storia
tra la fine del 700 e l’inizio dell’800 in Inghilterra ci fu la prima rivoluzione industriale.
Principali cambiamenti:
-la fabbrica
–la locomotiva a vapore e la macchina a vapore, quest’ultima era stata perfezionata da James Watt, per farla funzionare ci voleva il carbone. Con questa rivoluzione industriale si aveva bisogno di più lavoro e si assistette al fenomeno dell’urbanizzazione per andare nelle fabbriche a lavorare; intanto nel resto dell’Europa non ci fu questo processo, infatti sono nei anni trenta dell’ottocento si svilupparono il Belgio e la Francia.
La società industriale mostrò ben presto il suo lato contraddittorio:
-la preoccupazione che le macchine rubassero il lavoro (luddismo)
-i lavoratori fecero proteste per i diritti negati
Come risposta a questi problemi nacque il socialismo (società basata sulla solidarietà); ma gli studiosi Marx e Engels lo definirono socialismo utopistico e opposero il loro socialismo scientifico o comunismo (la proprietà privata doveva essere abolita).

Collegamenti

Arte:
L’educazione al lavoro di Silvestro Lega (1863)
Il quadro fa parte dei macchiaioli ed entra nell’intimità famigliare come spesso succede nei quadri di Lega. Notiamo che le pareti non sono decorate e il tavolo non ha oggetti particolari per questo diciamo che la famiglia è semplice. Il peso ricade sulle donna e poi ci unisce alla bambina attraverso il filo e lo sguardo intanto che fanno la matassa. La luce è moto importante perché entra dalla finestra e colpisce solo alcune parti. Dalla finestra vediamo il paesaggio. Il quadro trasmette lentezza.

La tempesta di neve di Turner (1842)
In questo quadro vediamo quanto Turner amava esprimere la luce infatti per realizzare questo quadro come altri si chiudeva per dei giorni e poi apriva tutte la finestre nella casa sul Tamigi e iniziava a buttare il colore e piano piano si creavano delle figure. Nei suoi quadri non vediamo linee e il suo tema principale era la nature che si ribellava all’uomo. Il peso ricade sulla barca .

Le spigolatrici di Millet (1848)
Fa parte del realismo francese si indica la realtà di tutti i giorni delle persone povere che non hanno voce, ma queste spigolatrici sono dolci. I colori sono opachi.

Il quarto stato di Pelizza da Volpedo (1896-1901)
Il titolo si riferisce al proletariato, queste si riuniscono e protestano ma questa è una protesta pacifica (infatti ci sono i bambini)ci sono 3 figure importanti:la donna e i due persone più colte.
Il quadro è esageratamente illuminato per fare vedere tutti i volti. Il pittore si è ispirato alle persone del proprio paese come se fosse una fotografia.

Geografia:
Diritti dei lavoratori e norme di sicurezza e lo sfruttamento minorile

Antologia :
Rosso Malpelo: veniva trattato come un animale perché aveva i capelli rossi, alla morte del padre (l’unico a cui voleva bene) scavo con le unghie per trovare il corpo, quando fu trovato gli diedero i suoi vestiti e lui gli tenne con molta cura.

Musica:
Il ragazzo delle via Gluck

Tecnica e informatica:
Le fonti rinnovabili per non inquinare (eolica-solare-geotermica-idroelettrica...)

Registrati via email