La Riforma protestante

Man mano che il potere della Chiesa aumentava, al suo interno aumentavano corruzione, concubinaggio, nepotismo,cumulo dei benefici e disobbedienza da parte di vescovi e abati nel non risiedere nel luogo scelto per loro.
-> Esigenza di una riforma; bisogno di una rinnovata spiritualità e di forme più intime di devozione.
Martin Lutero
Era un monaco agostiniano che ispirò per primo la Riforma protestante.
● Problema della salvezza: uomo vittima della
dannazione eterna; poteva aspirare alla salvezza
solo se animato da un sincero sentimento di fede
e non tramite opere buone.
(pensiero agostiniano).
 Dottrina della giustificazione per sola fede:
in virtù di una forte fede, Dio dà salvezza.
Lutero si discostava..
1) Dal pensiero di Erasmo: secondo questo, l’uomo è un essere razionale che grazie alle sue capacità può raggiungere anche la salvezza dell’anima.

2) Dalla dottrina della Chiesa cattolica: opere buone come mezzo per ottenere salvezza.
Scrisse il “De servo arbitrio” -> l’uomo non è libero di scegliere il bene.
● Come sacramenti, riconosceva solo battesimo ed eucarestia perché la loro istituzione era testimoniata nelle Sacre Scritture, mentre gli altri cinque non avevano la stessa origine divina.
● La lettura della Bibbia doveva avvenire senza intermediazione da parte della Chiesa.
● Desiderio di diffondere la Bibbia in tedesco utilizzando la stampa a caratteri mobili.
● Favorì il processo di alfabetizzazione nei paesi cattolici tramite la pedagogia: insegnamento dei beni religiosi per mezzo dell’arte.
● Principio del sacerdozio universale: i sacerdoti non erano differenti dagli altri credenti e vennero messi da parte i problemi sull’evangelizzazione.
Le indulgenze
Durante il Medioevo si era diffuso l’uso di concedere indulgenze in cambio di denaro e, agli inizi dell’età moderna, questa concezione divenne un’operazione finanziaria utilizzata come sostegno della politica e del lusso dei pontefici.
● Nel 1514 papa Leone X promise una concessione di indulgenze per raccogliere i fondi necessari alla costruzione della basilica di San Pietro.
● Nel 1517 Martin Lutero affisse sulla porta della cattedrale di Wittenberg 95 tesi sull’argomento (furono una vera e propria confutazione teologica del diritto di concedere indulgenze da parte dei pontefici).
Questo gesto coincide con l’inizio della Riforma protestante.
● Nel 1520 con la bolla Exurge Domine, il pontefice Leone X condannò le idee di Lutero ordinando che i suoi scritti fossero bruciati e lasciandogli due mesi di tempo per ritrattarli o sarebbe stato scomunicato.
Quando nel dicembre questa bolla giunse a Wittenberg, Lutero la bruciò pubblicamente.
Intervenne un principe temporale, l’elettore di Sassonia Federico il Savio che consigliò a Lutero di appellarsi direttamente a Carlo V affinché prendesse le sue difese. Egli, favorendo la riforma, voleva liberarsi del peso di pagare tasse alla Chiesa.
Carlo V nella primavera del 1521 indisse la dieta di Worms in cui fu chiesto a Lutero di sconfessare le sue idee; lui rifiutò e fu condannato nemico pubblico e fuorilegge.
Lutero potè allontanarsi da Worms solo grazie al salvacondotto (= documento che permetteva a un imputato di presentarsi in giudizio senza essere condannato).
Durante il ritorno fu rapito da dieci uomini assunti dal suo protettore Federico e fu portato in salvo nella fortezza di Wartburg dove Lutero tradusse la Bibbia in tedesco.


La riforma luterana

Dal 1521 al 1529 ci furono tre tipi di rivolte che riguardavano contadini, cadetti e principi.
- Contadini: volevano ottenere le terre dalla chiesa. Il gruppo fu mosso da Thomas Muntzer e represso nel 1525 a Frankenhausen.
- Cadetti: provenivano da famiglie nobiliari, ma non ottenevano eredità. Anche loro volevano terre e la loro rivolta avvenne nella zona della Foresta nera.
- Cavalieri: piccola nobiltà di tradizione guerriera esclusa dal potere politico che volle incrementare a spese del clero. Tra il 1521 e il 1523 guidati da Franz von Sickingen e Ulrich von Hutten assalirono i principali ecclesiastici che si allearono e posero fine a tutto in un paio di anni.

Con Martin Lutero -> Rivoluzione nell’interiorità: non doveva esserci nessun cambiamento a livello sociale. Assunse una doppia posizione:
● contadini e cavalieri li lasciò al proprio destino
● con i principi tedeschi dovette acquisire una posizione di solidarietà, anche se nel 1529 con la Riforma protestante, i principi si ribellarono.
Riforma in svizzera
Ulrich Zwingli: nei confronti della Chiesa ebbe un atteggiamento più radicale di quello di Lutero -> per lui si doveva eliminare dalla vita religiosa tutto ciò che non era menzionato dalla Bibbia.
Egli attaccò l’abitudine degli svizzeri di prestare servizio mercenario all’estero ottenendone l’abolizione.
 Proteste dei cantoni rimasti cattolici (poveri, dal servizio mercenario ricavavano mantenimento).
 Battaglia di Kappel (1531): vittoria dei cantoni cattolici sui protestanti; morì Zwingli.
Gli anabattisti
Facevano parte di minoranze estremistiche; erano chiamati così in senso dispregiativo: negavano ogni valore al battesimo ricevuto alla nascita perché credevano che quello vero era fatto da adulti in quanto atto consapevole di fede.
Nel 1534 a Munster, gli anabattisti sfruttarono la crisi del governo e si impadronirono del potere cacciando cattolici e luterani per creare una comunità di santi.
L’esperimento degenerò in regime teocratico ed ebbe vita breve.
Giovanni Calvino
Riprese e sviluppò l’esperienza dei riformisti svizzeri.
Giunse a Ginevra dove diede vita a una dottrina nuova basata su:
1) Concistoro: organo principale dell’organizzazione ecclesia sta formato soprattutto da laici che controllavano la disciplina ecclesiastica e la condotta dei fedeli
2) Ginevra come:
● città cristiana modello senza mondanità : chiuse taverne, vietò giochi d’azzardo, spettacoli e lusso; i peccatori erano esclusi dalla comunione ed emarginati.
● Città cosmopolita: accoglieva dissidenti religiosi da ogni parte d’Europa concedendogli cittadinanza.
-> i seguaci del calvinismo aumentavano
● Città intollerante: il medico spagnolo Michele Serveto fu condannato come eretico perché aveva presentato a Calvino un suo scritto in cui negava la Trinità.
3) Teoria della predestinazione: Dio ha scelto alcuni eletti che verranno salvati; la fortuna è segno di scelta alla salvezza (discorso ristretto di Sant’Agostino).
Max Weber :fa un rapporto tra etica del lavoro e paesi calvinisti nei quali nasce il capitalismo(grande desiderio di imporsi in ambito lavorativo).
Diffusione del protestantesimo in Europa
● Luteranesimo (Religione di Stato) : Svezia, Danimarca (Norvegia e Islanda), Finlandia, Polonia, Boemia e Ungheria.
●Calvinismo: Scozia (grazie al discepolo di Calvino John Knox), Inghilterra e nelle colonie dell’America; anche in Polonia, Boemia e Ungheria (in Polonia soffocato dalla Controriforma, in Boemia contestato nella guerra dei 30 anni.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email