Ominide 123 punti

Restaurazione

Il 1 Novembre 1814 ebbe inizio il congresso di Vienna, parteciparono tutti gli stati d’Europa si dovevano ristabilire l’ordine e la pace, in questo modo inizia l’ordine della restaurazione questo termine esprimeva la volontà delle potenze che avevano sconfitto Napoleone di un ritorno completo al passato. In pratica tutte le idee rivoluzionarie dovevano essere negate. Seguirono 2 principi: * Principio di legittimità: secondo cui era giusto che ogni stato ritornasse il proprio sovrano. Il maggior sostenitore fu Talleyrand . A Vienna egli convinse i rappresentanti degli stati europei che la Francia era stata vittima e non responsabile della diffusione delle idee rivoluzionarie. * Principio di equilibrio: nessuno stato doveva rafforzarsi troppo. L’impero di Napoleone fu diviso dalle potenze vincitrici. La Francia tornò dai Borboni con Luigi XVIII.

L'Impero Austroungarico sotto Francesco I d’Asburgo sotto Francesco I d’Asburgo ottenne il controllo diretto perché alcuni stati erano controllati dall’impero asburgico, mentre quello indiretto no.
I Savoia riebbero il regno di Sardegna. Tutta l’Italia meridionale fu l’unità nel regno delle due Sicilie sotto Ferdinando di Borbone. Lo Stato della Chiesa comprendeva (Lazio, Emilia Romagna ed Umbria). Per mantenere la foce su Alessandro I (Austria, Prussia, Russia) costituirono la “Santa Alleanza” basata sul principio d’intervento. Tuttavia il ritorno al passato fu solo apparente, infatti troppi erano stati i cambiamenti introdotti dalla rivoluzione Francese prima dell’età Napoleonica. Nell’età della restaurazione bisognava chiedere l’indipendenza della patria o un governo democratico per questo le forze di opposizione furono costretti ad organizzarsi ad una società segreta. In Italia nel regno di Napoli nacque la “Carboneria” il nome è dovuto al fatto che la società utilizzava il linguaggio dei “Carbonari” c’è i venditori di carbone, per nascondere affiliati il senso dei loro discorsi. I membri delle società segrete provenivano dalla società cittadina ma numerosi erano anche professori, studenti e militari. La popolazione che abitava nelle campagne, rimase fuori dalle lotte. La restaurazione garantisce un periodo di pace tra le potenze europee per circa 30 anni, abolisce anche il trattato degli schiavi (nel 1817)

Il primo ministro Austriaco del congresso di Vienna fu Metternich.

Registrati via email