pser di pser
Ominide 5819 punti

LA PRUSSIA TRA 600 E 700

La Prussia nel corso del 1600 e ancora nel 1700 era uno Stato composito, diviso in molteplici parti, molto dispersivo e dal punto di vista territoriale assai piccolo. La Prussia originale si estendeva soprattutto ad est e bisogna notare che uno stato apparentemente piccolo ed insignificante sarà poi significativo in quadro europeo perché, così come per il regno di Sardegna, porterà a termine l’unificazione tedesca. Nella Prussia regna la dinastia degli Hohenzollern, la quale resterà in carica fino alla fine della prima guerra mondiale. Un elemento comune ai diversi sovrani che regnano tra il 1600 e il 1700 fu il ruolo che loro diedero all’esercito, tant’è che credevano che la forza di uno stato si vedeva soprattutto in relazione alla forza del suo esercito: infatti, Federico Guglielmo I fu soprannominato re sergente in quanto per lui l’esercito era la cosa più importante. Un caso a parte fu l’ultimo re che governò la Prussia a cavallo fra 1600 e 1700: Federico II, chiamato re filosofo in quanto egli era molto appassionato delle materie umanistiche e aveva intrapreso studi sulle lingue antiche e che non mostrava avere le attitudini che il padre si aspettava da lui: Federico Guglielmo I si era preoccupato a tal punto della salvaguardia del regno che la fece incarcerare, ma in seguito lo liberò e notò le sue ottime capacità militare in una battaglia contro l’Austria.

Registrati via email