Ominide 2535 punti

I progressi della navigazione a partire dal XV secolo

A partire dal XV secolo gli europei iniziarono a oltrepassare i confini del loro mondo e affrontarono lunghe navigazioni per raggiungere nuove terre. Le imprese dei primi navigatori, furono finanziate in larga misura dai sovrani della Spagna e del Portogallo. Per migliorare la navigazione Enrico il Navigatore diede un grande impulso alle ricerche scientifiche e tecniche e favorì anche lo studio dell'economia. Le scoperte geografiche di questo periodo, furono rese possibile grazie ai progressi raggiunti nella navigazione. Due nuove imbarcazioni di fondamentale importanza per le grandi scoperte geografiche fu la caraca, di grandissime dimensioni, la caravella piuttosto piccola. Sia per la caraca che per la caravella, le vele potevano essere di tipo latino, triangolari oppure quadrate. Importantissimo fu l'uso dell'astrolabio, uno strumento portatile utilizzato per per determinare l'altezza del Sole o di una qualsiasi altra stella al fine di individuare la latitudine. La navigazione basata sulle stelle, richiedeva la conoscenza di molti elementi di carattere scientifico. Fu cosi necessario compilare alcuni manuali e diffonderli fra i marinai.Nel 1519, il navigatore portoghese Ferdinando Magellano, salpò da Siviglia, attraversò l'Atlantico e portò a termine il progetto di Colombo di raggiungere le Indie.

Registrati via email