Ominide 50 punti

Signorie e monarchie

Dal 1250 al 1500 si formarono in Europa le monarchie nazionali: esse tendono ad abbracciare un territorio abitato da un popolo che parla un'unica lingua. Tali stati europei sono organizzati in monarchie con poteri assuluti nelle mani del re.
E di conseguenza il ruolo dei feudatari diventa meno importante.
La prima monarchia nazionale si ebbe in Inghilterra, quando nel 1215 il re Giovanni Senzaterra concedette la "Magna Carta Libertatum", ovvero la prima carta costituzionale. Nasce cosi il primo Parlamento che è l'assemblea che si riunisce per fare le leggi e controllano l'operato del governo. Il parlamento era composto dalla camera dei Lords formata dai nobili e dalla camera dei Comuni cioè il popolo.
In Francia si costitui anche una monarchia costituzionale, con Filippo Il Bello, ma con il passare del tempo fini per non convocare piu il Parlamento e la monarchia francese si trasformo

subito da costituzionale ad assoluta.
Con il matrimonio di Isabella di Castiglia con Ferdinando di Aragona, il regno di Spagna ebbe anch'essa una monarchia costituzionale.
In Italia molte regioni volevano costituire uno stato nazionale, ma il papa Innocenzo III non volle perdere il possesso dell'Italia Centrale, cosi non fu possibile l'unione dello stato e nacquero grandi divergenze tra il papa Federico II, che mori nel 1250, sconfitto dai sovrani spagnoli, grandi aleati della chiesa cristiana.
L'Italia venne divisa in Regno di Napoli e Regno di Sicilia. Il primo affidato ai Francesi e il secondo ai Spagnoli. Mentre in Settentrione si formarono le Signorie, che sono delle citta stato, in lotta fra di loro per allargare i propri territori e nacque un nuovo mestiere: i soldati mercenari]. Questi soldati combattevano solo per i soldi e non più per i valori di un tempo.

Registrati via email