Genius 7012 punti

Le guerre in Italia

1469: Lorenzo il Magnifico a Firenze
1478: Congiura dei Pazzi (Sisto IV della Rovere): attentato a S.Maria del Fiore; guerra tra Firenze, Venezia e Milano contro il Papa, Siena e Napoli Lorenzo si accorda con Ferdinando d’Aragona (Ferrante) che passa dalla loro parte.
1480: pace, ma di breve durata.
1482-84: guerra di Ferrara (Venezia se ne voleva impadronire).
1484: pace di Bagnolo.
1492: muore Lorenzo il Magnifico.

1476: Ducato di Milano: congiura, uccisione di Galeazzo Maria Sforza gli succede Gian Galeazzo (vero detentore: Ludovico il Moro), che sposa la figlia di Ferrante.
Ludovico il Moro chiama Carlo VIII per difendersi dal regno di Napoli.
1494: discesa in Italia di Carlo VIII (rafforzamento della monarchia francese). Milano, Firenze (Piero dei Medici) e Napoli Ferdinando II scappa.
Lega antifrancese: Venezia, Milano, Papa, Asburgo e Spagna Ferdinando II torna sul trono e Venezia in Puglia.

Firenze: Savonarola predica un rinnovamento nella Chiesa contro il Papa Alessandro VI Borgia 1498: viene condannato eretico dalle famiglie aristocratiche.

1498: Luigi XII (succ. Carlo VIII); rivendica il possesso della Lombardia, ma prepara bene il terreno 1500: sconfigge Ludovico il Moro
1500: Trattato di Granada con Ferdinando il Cattolico (Spagna): spartizione del regno di Napoli Federico III (Napoli) abdica in favore della Francia guerra tra Spagna e Francia, che viene sconfitta.
1504: armistizio di Lione. Napoli alla Spagna, Milano alla Francia.
1503: muore Alessandro VI papa Giulio II Cesare Borgia perde il suo potere e scappa Venezia occupa la Romagna.
1508: Lega di Cambrai: papa, Francia, Asbrurgo, Spagna.
1509: battaglia di Agnadello, Venezia è sconfitta. Giulio II esce dall’alleanza reazione del re di Francia Lega Santa (papa, Venezia, Inghilterra, Spagna, Spagna, Svizzera) la Lombardia a Massimiliano Sforza e Firenze ai Medici.
1515: nuovo re di Francia: Francesco I, che vuole riconquistare la Lombardia
1515: Battaglia di Marignano; sconfitta degli svizzeri.
1516: pace di Noyon ad opera di Leone X. Alla Spagna Napoli e alla Francia Milano

L’ascesa di Carlo V

Ferdinando d’Aragona + Isabella di Castiglia Massimiliano d’Asburgo+ Maria di Borgogna
Giovanna la Pazza + Filippo il Bello
=
Carlo V

1519: Carlo V d’Asburgo è eletto imperatore. Territori: Spagna, Napoli, Sicilia, Sardegna, Austria, Boemia, Fiandra, Paesi Bassi. Per l’elezione aveva combattuto con Francesco I, ma fondamentale fu l’appoggio dei Fugger (comprò infatti gli elettori).

Il Ducato di Milano è di interesse per la Francia e per l’Impero guerra.
1525: disfatta di Pavia: Francesco I prigioniero. A Milano Francesco II Sforza.
1526: Trattato di Madrid: Milano e la Borgogna all’Impero (Borgogna rimane però ai francesi).
1526: Lega di Cognac: Francia, Firenze, Venezia, Milano, Inghilterra, papa Clemente VIII
1527: I mercenari non erano pagati sacco di Roma dei lanzichenecchi il papa si indebolisce sempre di più Venezia occupa territori pontifici; Genova passa con Carlo V; a Firenze si proclama la Repubblica.
L’imperatore temporeggiava (non poteva pagare), ma c’era dovunque protesta per la sorte del papa.
1528: l’assedio a Roma fu tolto
1529: trattato di Barcellona. Si ripristina l’antico ordine e il papa incorona l’imperatore.
1529: Pace di Cambrai. All’imperatore va Milano ma non la borgogna.
1530: incoronazione a Bologna.

I Turchi Ottomani

1512-20: sotto Selim I conquistano Egitto, Siria e Arabia
1520-66: sotto Solimano I il Magnifico conquistano Belgrado e assediano Vienna
Nel Mediterraneo imperversa la flotta dei pirati algerini barbareschi.
Forte pressione turca in Europa Francesco I si allea con gli infedeli (Solimano) contro Carlo V Tramonto idea cristianità.

1535: muore il Duca di Miano Carlo V occupa Milano guerra con la Francia
1544: pace di Crepy
1555: pace di Augusta (divisione in Germania tra Cattolici e Luterani).

Inghilterra

1553: Maria Tudor la Cattolica
1554: Filippo II sposa Maria la Cattolica
1558: Francesco II di Francia sposa Maria Stuart di Scozia
alleanze: Francia e Scozia
Spagna e Inghilterra

1558: Elisabetta I, appoggiata da Filippo II che aveva paura di Maria Stuart (Francia) la più diretta erede al trono, che la chiede anche in moglie

POLITICA RELIGIOSA: Legge di supremazia
Legge di uniformità

1561: Maria Stuart sale al trono di Scozia
1567: abdica in favore del figlio Giacomo

SOTTO ELISABETTA
· modernizzazione dell’economia (trasformazione delle colture, industria del ferro)
· corsari inglesi, esploratori
· colonizzazione dell’America
· compagnie commerciali (1600: Compagnia delle Indie)

Manovre cattoliche contro Elisabetta I.
IRLANDA: fortemente cattolica
1579-81: persecuzione cattolica in Irlanda (terra bruciata)
1587: Maria Stuart condannata a morte
¯
- Guerra tra Spagna e Inghilterra
- Filippo II prepara L’Invincibile Armata, che però aveva metodi tradizionali Sconfitto 1588, ritornò in Spagna e in Inghilterra restò il protestantesimo.

Francia

Metà 500: guerra civile per motivi religiosi.
1559: muore Enrico II, sale al trono Francesco II (reggenza a Francesco di Guisa e cardinale di Lorena).
1560: gli succede Carlo IX (reggenza a Caterina dei Medici)

TENSIONI RELIGIOSE: Ugonotti (calvinisti, Cologny)
Cattolici (Guisa)
La politica pacifista di Caterina fallisce

1562: Guisa prendono le armi Massacro di Vassy guerra civile
1572: Notte di San Bartolomeo (ugonotti trucidati)
1574: sale al trono Enrico III
PROTESTANTI Enrico di Borbone
CATTOLICI Enrico di Guisa Lega Santa, legami con Spagna
1588: Enrico III fa assassinare Guisa e si allea con Borbone, suo successore.
1589: Borbone sale al trono come Enrico IV Filippo II interviene.
Sisto V annullava la sua successione.
1593: il re si dichiara cattolico Clemente VIII riconosce i suoi diritti
1598: Pace di Vervins (le truppe spagnole si ritirano dalla Francia)
1598: Editto di Nantes (compromesso tra cattolici e ugonotti).

Lo stato moderno

- organizzazione politica accentrata e assoluta
- esercito permanente estesa fiscalità amministrazione ben organizzata. Istituzioni giudiziarie.
- Struttura accentrata attorno alla figura del sovrano
- Sviluppo monarchie assolute: lotta per ridimensionamento politico della nobiltà (mantengono tuttavia i privilegi fiscali).
- Vendita delle cariche nuovo ceto burocratico
- Jean Bodin: chiara e completa trattazione della sovranità. In Italia: Giovanni Botero (contro Macchiavelli).

L’Europa Orientale

- Primeggiava la potenza polacco-lituano: politica estera unitaria, ma reciproca autonomia interna.
- Popolazione molto composita. Polonia asilo degli eretici: la grande tolleranza l’aveva resa immune dalle guerre di religione.
- Rafforzamento di identità cattolica
- Nobiltà molto privilegiata (repubblica nobiliare). Compatto ceto nobiliare: sarmatismo questo ebbe conseguenze nefaste sull’economia polacca (asservimento dei contadini).

- Regno di Russia: il fondatore della potenza russa fu Ivan IV il Terribile (zar).
- Vasta opera di riforma. Regno diviso in due parti: opricnina (sotto lo zar) e zeniscina (boiari). 1564-72: esecuzione di 4000 boiari.
- Espansionismo: il regno appare un vero e proprio impero.
1613: Michele Romanov (dinastia che rimane fino alla rivoluzione).

La crisi del ‘600

Stagnazione o decremento demografico (soprattutto nell’area mediterranea). CAUSE:
- polarizzazione della ricchezza impoverimento della popolazione.
- Raffreddamento del clima crisi nell’agricoltura, basata sui cereali carestie epidemie.

REAZIONI.
- Olanda, Inghilterra: trasformazione della nobiltà fondiaria in imprenditori.
- Spagna e Italia: rifeudalizzazione e danno dei contadini rivolte.
1620: Crisi delle attività commerciali Italia e Spagna in decadenza.
Olanda e Inghilterra: riorganizzazione dei traffici mercanti diventano imprenditori manifatturieri in tutta Europa. Potenziamento delle flotte mercantili. Sviluppo del mercato borsistico a Amsterdam.

La Spagna

1598: Filippo III sale al trono periodo di inarrestabile decadenza. Politica estera: iniziative di pace con Francia (Vervins), Inghilterra (Londra), Province Unite (tregue per 12 anni). Politica interna: rifeudalizzazione; banditismo dei contadini.
1621-25: Filippo IV politica estera aggressiva. Duca di Olivares: indirizzo più duro alla politica interna.

La Francia

Enrico IV: riorganizzazione dello stato.
- Duca di Sully: pareggia il bilancio. Vendita delle cariche, paulette nobiltà di toga.
- Barthelemy Laffemes: manifatture regie e introduce misure protezionistiche.

1610: Luigi XIII (reggenza Maria dei Medici filospagnola)
1614: Stati generali
1617: Luigi XIII riprende il potere affiancato dal cardinale Richelieu sottomissione ugonotti; repressione dei nobili (Maria dei Medici esiliata); potenzia il ruolo dei funzionari regi (commissari o intendenti).

Le Province Unite

1609: Tregua dei 12 anni con la Spagna riconoscimento come stato autonomo diventano la maggior potenza commerciale europea.
Ogni provincia aveva un capo civile borghesia (Pensionario) e militare nobiltà (Stadhouder): contrasto su interessi politici ed economici crisi politica e religiosa.
1619: gomaristi (calvinisti, estremisti) vincono sugli arminiani (+ tolleranti) banditi dalle cariche politiche.

Comunque le Province Unite rimangono lo stato più tollerante d’Europa (per il commercio).

La Germania (impero d’Asburgo)

Realtà politica estremamente frazionata.
1555: pace di Augusta frammentazione religiosa. Accordo tra cattolici e luterani; esclusione di calvinisti e minoranze.
1556-76: Ferdinando I e Massimiliano II. I principi cattolici riconquistano le regioni luterane.
La frammentazione aumenta la crisi economica.

Boemia e Ungheria passano agli Asburgo.
1576: Rodolfo II; si riaccende il conflitto religioso.
1608: Unione Evangelica (protestante, Francia)
1609: Lega Cattolica (con la Spagna)
- Lettera di Maestà: concessione in Boemia della libertà di culto.
1612: imperatore Mattia
1617: corona di Boemia e Ungheria a Ferdinando di Stiria (il futuro II)
1619: Ferdinando II. Abolisce la lettera di Maestà e avvia la restaurazione del cattolicesimo.

La Guerra dei Trent’anni

23 maggio 1618: defenestrazione di Praga. Ferdinando II viene dichiarato decaduto e viene proclamato re il calvinista Federico V.
1618-48: avvia alla guerra.
Ferdinando II: Lega Cattolica (Massimiliano di Baviera e Spagna)
Federico V: Inghilterra, Danimarca, Province Unite e Venezia
Francia neutrale
1620: battaglia di Montagna Bianca: l’esercito spagnolo sconfigge i rivoltosi boemi; in Boemia: radicamento delle eresie.
- La Spagna (sotto Filippo IV e Olivares) occupa la Valtellina (strategica per accerchiare le Province Unite).
1625: Cristiano IV (Danimarca) per paura attacca la Germania sconfitte.
1629: pace di Lubecca
- Editto di restituzione (Ferdinando II)
- Intenzione di rendere la corona ereditaria
- Esercito agguerrito (truppe di Wallenstein) aspirava a diventare sovrano. Rese la guerra una vera e propria impresa economica.
1631: Gustavo Adolfo (Svezia- protestante) appoggiato dalla Francia e dagli elettori attacca la Germania e sconfigge a Breitenfeld la Lega Cattolica. Si spinge fino alla Baviera e all’Alsazia (la sua forza era nelle azioni belliche).
1632: battaglia di Lutzen muore Gustavo Adolfo sale al trono la bambina Cristina.
1634: battaglia di Nordlinger. Sconfitta svedese.
1635: pace di Praga
- La Francia (Richelieu) decide di intervenire direttamente nella guerra. Attacca la Spagna (impegnata anche con Province Unite e Germania).
1640: Catalogna e Portogallo proclamano l’indipendenza
1642: muore Richelieu, gli succede Mazzarino
1643: battaglia di Rocroi- sconfitta spagnola.
1648: pace di Munster tra Spagna e Province Unite
1648: pace di Vestfalia tra Ferdinando III e Boemia in Germania si riconoscono tre confessioni: cattolica, luterana e calvinista; autonomia quasi assoluta agli staterelli (politica estere indipendente); Asburgo in Austria, Boemia e Ungheria ( Italia)
1659: pace dei Pirenei tra Spagna e Francia Francia: egemonia continentale
Conseguenze: epidemie. Sifilide

Giacomo I

1603-25: Giacomo I Stuart, corone di Scozia e Inghilterra (e Irlanda)
- forte accentramento monarchico
- riaffermazione dell’autorità dell’autorità della Chiesa anglicana
- prelievo di risorse economiche
Fu incapace in politica estera. Declino delle collaborazioni tra corone e compagnie commerciali.
- Congiura delle polveri da parte dei cattolici
1620: Padri Pellegrini in America per sfuggire alle persecuzioni religiose.
Dissenso nei confronti della monarchia concentrato del Parlamento.

Carlo I

1625-49: Carlo I Stuart. Scioglie il Parlamento nel 1625-26.
1628: è costretto per aiutare gli ugonotti alle Rochelle a riconvocarlo Petition of Rights
1629: lo scioglie repressione dell’opposizione politica e religiosa.
“Camera Stellata” e “Corte di alta commissione” (esazione dello ship money).
1639: arcivescovo William Laud interviene in Scozia (presbiteriana) gli scozzesi rispondono col Covenant guerra vittoria della Scozia.
1640: il re convoca il Corto Parlamento per poter continuare la guerra, ma lo scioglie subito.
1640-53: Lungo Parlamento (John Pym e John Hampden) il re fu costretto a piegarsi.

1641: rivolta in Irlanda dei cattolici si sospetta il re “ Grande Rimostranza” che chiede il controllo dell’esercito e delle nomine ministeriali.
1642: il re tenta il colpo di Stato irrompendo nel Parlamento completo insuccesso (il re fugge).

La guerra civile

1642: Cavalieri (contrari all’evoluzione) dalla parte del re- nobili
Teste rotonde dalla parte del Parlamento (maggiore libertà) – puritani
1642-43: Oliver Cromwell (puritano) capo militare. Ironsides e New Model Army. Due sconfitte di Carlo I:
- 1644: battaglia di Marston Moor
- 1645: battaglia di Naseby
- Il re si consegna agli scozzesi, poi è trasferito nelle mani del Parlamento (1647) lo schieramento si divide: 1) la maggioranza parlamentare presbiteriana (unica confessione calvinista); 2) indipendenti (Cromwell): libertà di culto.

Difficile rapporto tra esercito e Parlamento. Condotta ambigua di Carlo I.
1647: il re fugge in Scozia
1648: la Scozia invade l’Inghilterra Cromwell fu accusato di tradimento sconfigge gli scozzesi e i rivoltosi. Occupò Londra ed espulse dal Parlamento i presbiteriani. Rump Parliament (ridotto)
1649: il re viene condannato a morte. Venne proclamato il Commonwealth (Repubblica).

Cromwell

· Mette a tacere gli estremisti (levellers e diggers)
· Ristabilisce l’ordine in Irlanda (cattolici) e Scozia
· Politica estera: espansione commerciale e coloniale 1651: Atto di Navigazione (anti-olandese) reazione olandese stroncata con una breve guerra (1652-54) riconoscimento da parte olandese dell’Atto
· Trattati con Svezia e Danimarca (ingresso Baltico) e con Portogallo
1657: si allea con la Francia contro la Spagna
1651: Politica interna: Barebone Parliament (scheletro) 1653: viene disciolto Cromwell: Lord Protettore
Connotati di una dittatura militare. Governo non solido.
1658: muore Richard (figlio) prende il potere conflitti 1660: George Monk marcia su Londra e sale al trono Carlo II Stuart (con approvazione del Parlamento). ripristino della Chiesa Anglicana e persecuzioni; Camera dei Lords e privilegi nobiliari.
Ruolo centrale del Parlamento.


Francia – Età della fronda

1642: muore il cardinale Richelieu cardinale Mazzarino.
1643: sale al trono Luigi XIV (bambino di 5 anni). Reggenza alla madre Anna d’Austria.
Guerra con la Spagna riforma del sistema di riscossione (intendenti) reazione dei Parlamenti (nobiltà di toga)
1648-49: Fronda Parlamentare
1650: Fronda dei principi. Ostilità allo strapotere di Mazzarino Mazzarino va in Germania e organizza le operazioni delle truppe.
1652: sconfitta presso Parigi del fronte aristocratico. Mazzarino rientra trionfalmente a Parigi.
Politica estera. Guerra con la Spagna alleanza con Inghilterra (Cromwell).
1658: sconfitta della Spagna presso Dunkerque
1659: Pace dei Pirenei rafforzamento della Francia matrimonio tra Maria Teresa (figlia di Filippo IV) e Luigi XIV.

Crollo della Spagna

Progetto di accentramento assolutistico di Filippo IV e il suo primo ministro Olivares.
“Unione delle armi “ 1640: ribellione di Catalogna e Portogallo.
1652: riconquista della Catalogna
1668: Portogallo si rende indipendente.

L’Italia Spagnola

Predominio della Spagna: Napoli, Sicilia, Sardegna, Milano, Stato dei Presidi. Influenza spagnola in tutta l’Italia. Durante la guerra la Spagna attuò in Italia una forte pressione fiscale brigantaggio e ribellismo diffuso.
1647:Rivolta Napoletana- Masaniello Gennaro Annese da vita alla Repubblica con a capo Enrico di Guisa (Francia)
1648: la Repubblica fu abbattuta e la situazione tornò alla normalità lungo periodo di decadenza.

INDUSTRIA: crolla quella tessile riconversione a seta greggia e prodotti semilavorati
COMMERCIO: sopraffatta della concorrenza straniera – crisi di attività portuali e flotte
AGRICOLTURA: arrivano i capitali: rifeudalizzazione. Caduta dei prezzi dei cereali.

L’assolutismo di Luigi XIV

1661: alla morte di Mazzarino, Luigi XIV prende il potere. Il suo regno durerà per oltre 54 anni: - guerra per trent’anni; - frequenti rivolte popolari. Ma fu anche un periodo di “gloria . Rafforzamento della monarchia (assolutismo), consolidamento dell’egemonia della Francia in Europa.
1665-1683: Controllore generale delle Finanze fu Colbert.

Reggia di Versailles. Vi si concentrò il potere. Dal 1682 la corte e il governo si trasferirono li. Luigi XIV fu chiamato Re Sole. Ci furono varie iniziative:
- patrocinio delle arti e delle scienze (Moliere)
- favorì una cultura ufficiale, celebrativa
- censura
- persecuzioni a scopo politico dei gianseisti e degli ugonotti
GIANSEISMO: principale movimento di dissidenza cattolica. Sosteneva che la grazia costituiva un dono divino concesso indipendentemente dai meriti. Si distinse Blaise Pascal; si riunivano a Port Royal, che nel 1709 fu soppresso.

1682: con una dichiarazione Luigi XIV ribadì il gallicanesimo (autonomia della Francia da Roma; superiorità del Concilio sul Papa).
- Persecuzione degli ugonotti. Il Re decide di dare al paese un’unità anche religiosa. I pastori protestanti furono espulsi, ma ai fedeli fu vietato lasciare il paese scappano ugualmente perdite per la Francia di capitali e risorse umane.

Mercantilismo e Politica estera

- Colbertismo : attuò protezionismo seguendo le regole del mercantilismo. Favori: compagnie commerciali, manifatture sovvenzionate dallo Stato, ma impose anche pesanti controlli di uniformità si rivelò un fallimento.

Rafforzamento dell’esercito ad opera del marchese di Louvois. Politica di espansione contro Spagna e Impero.
1667-68: guerra di devoluzione (Luigi XIV rivendica il trono di Spagna)
1672-78: guerra contro le Province Unite
1678: Pace di Nimega. Le Province Unite ottengono l’abolizione della tariffa protezionistica.

II°Rivoluzione Inglese – Rivoluzione gloriosa

1660: Restaurazione degli Stuart: Carlo II. Cerca di placare i contrasti politici e religiosi Editto di indennità e perdono”.
Primi anni ’70: motivi di contrasto tra il re e il Parlamento. Carlo II era succube di Luigi XIV.
PROBLEMA DELLA SUCCESSIONE: Giacomo, erede designato, era cattolico il Parlamento vota alcuni provvedimenti contro l’assolutismo e il cattolicesimo.
1673: “ Test Act”: esclusione di tutti i non anglicani dalle cariche pubbliche
1679: diritto di “ Habeas corpus “ ( tutelava i sudditi dagli arresti arbitrari )
Fine anni ’70: due opposti schieramenti:
- Tories (conservatori) legati alla Chiesa anglicana e alla difesa del mondo rurale
- Whigs (liberali) fautori della libertà religiosa e interpreti degli interessi commerciali
1681: i tories hanno la meglio sui whigs
1685: Giacomo II sale al trono senza difficoltà ipotesi di restaurazione papista
1688: i whigs con l’appoggio dei tories, si rivolgono a Guglielmo d’Orange per difendere il protestantesimo la corona è data a Guglielmo e Maria Stuart
1689: monarchia costituzionale a nomina parlamentare. Testo fondamentale: Bill of Rights.
1695-97: furono eliminati i vincoli alla libertà di stampa
1701: “Act of Settlement” esclusione dalla successione dei discendenti di Giacomo II a favore della casa di Hannover
1689: “Toleratione Act” concede la libertà religiosa ai dissidenti

RIVOLUZIONE FINANZIARIA: alla fine dell’600.
1694: fondazione Banca d’Inghilterra che svolge funzioni di tesoreria per lo Stato.

La Guerra di Successione Spagnola

Dopo la guerra combattuta dalla Francia contro la Lega d’Augusta, persa dalla Francia Problema della successione spagnola.
Carlo II d’Asburgo-Spagna era senza eredi.
1698: Olanda, Inghilterra e Francia trovarono un accordo sulla spartizione del grande Impero
1700: morte di Carlo II Filippo d’Angiò (nipote di Luigi XIV) è nominato erede universale con la clausola che le due monarchie di Francia e Spagna rimanessero separate.
Sale al trono col nome di Filippo V. Il suo avversario era Carlo d’Asburgo (figlio dell’imperatore Leopoldo).
1702-1713: inizia la guerra di successione
1713-14: pace di Utrecht e Restatt. L’Austria ottiene i Paesi bassi. Finisce il dominio spagnolo in Italia. Gli Asburgo ottennero: Lombardia, Mantova, Napoli, Sardegna e Stato dei Presidi. I Savoia: Monferrato, Lomellina e la Sicilia (titolo regale).

La Prussia- Il Baltico

‘600-700: in Germania ascesa dalla Prussia.
1415: la Prussia è concessa dal Brandeburgo a Federico VI di Hohenzollern.
1618: la Prussia entra a far parte del Brandeburgo distanza e diversità, problemi inderogabili di accentramento e di uniformità.
1640-88: Federico Gugliemo il Grande.
- formazione di un esercito permanente
- efficiente sistema fiscale
- capace burocrazia
- i profughi ugonotti sono accolti a Berlino, la capitale.
1700: fine della dipendenza feudale dalla Polonia e trasformazione in Regno.

La Svezia ha il dominio sul Baltico. Carlo IX la trasforma in uno Stato assoluto di tipo francese.

La Russia di Pietro il Grande

1649: “Il Codice” divise la società in tre ceti fondamentali e definì il carattere permanente della servitù della gleba.
Anni’50: episodi di malcontento e rivolte urbane e rurali.
Rivolte dei cosacchi nelle regioni sud-orientali volevano mantenere le loro autonomie.
1670: Rivolta di Stenka Razin. Con spaventosi massacri la rivolta fu sedata. 1671: viene giustiziato a Mosca.

1682-1725: Regno di Pietro I il Grande.
1697: viaggio di studio nell’Europa occidentale
1698: deve tornare per sedare un complotto da inizio al suo governo assoluto e autocratico
- Necessità di una riforma nell’esercito (dura sconfitta nel 1700 a Narva) contro Svezia
1709: battaglia di Poltava Carlo XII si rifugia dai turchi
- marina da guerra, indispensabile per operare nel Baltico (obiettivo principale) 1703: fondazione di Pietroburgo.
- Vennero riorganizzati fisco e amministrazione. Mercantilismo, rinnovamento dell’educazione e intervenne anche in campo religioso
1725: morte di Pietro il Grande
1719-20: paci di Stoccolma e Nystad:
- crollo svedese
- ascesa della Russia; egemonia sul Baltico

1774: la Turchia riconosce alla Russia e all’Austria la tutela dei sudditi cristiani dell’Impero.

MONARCHIA COSTITUZIONALE: Il sovrano accetta di sottoporre il suo potere a regole giuridiche riconoscendo l’esistenza di un altro centro di potere, cioè il Parlamento. Egli mantiene comunque il controllo sul potere esecutivo e può intervenire nella formazione delle leggi.
MONARCHIA PARLAMENTARE: Vi è uno svuotamento dei poteri del re a favore della camera rappresentativa. Il governo dipende non più dalla fiducia del re, ma dalla fiducia del Parlamento.

Sistema Internazionale

Inizi del 700: conflitto per il predominio commerciale tra Inghilterra e Francia affermarsi dell’egemonia coloniale inglese, esclusione dei paesi iberici dalla competizione (loro inserimento nel sistema commerciale britannico: Portogallo per prodotti manifatturieri e Spagna per cessione di Gibilterra).
L’Inghilterra tutelò il principio di equilibrio tra le potenze. La Francia cercò di mantenere il suo ruolo di potenza continentale e si inserì in tutte le occasioni di conflitto.
- Guerre e mutamenti territoriali del 700: guerra di successione polacca, guerra di successione austriaca, guerra di Sette anni e spartizioni della Polonia.
- Situazione geopolitica: a ovest un arco di aree forti, a nord e a est due grandi aree deboli (Germania-Polonia e Italia, deboli per la frammentazione). L’Austria si trova in mezzo come nucleo più forte dell’Impero germanico e come potenza egemone in Italia; ma non sarà in grado di affermare il proprio controllo si queste zone.

Inghilterra e Francia

Inghilterra. La sua supremazia nel 700 è attribuita al partito dei whigs, una sorta di rappresentanza diretta del mondo commerciale (in Parlamento dal 1715 al 1716; regni di Giorgio I, II di Hannover). Nessun gruppo ostacolò lo sviluppo delle attività commerciali e finanziarie, né mise mai in discussione alcuni capisaldi del sistema inglese. I Whigs (vincitori delle elezioni del 1715) erano sostenitori della monarchia costituzionale e controllata dal Parlamento, e di un governo svincolato dal sovrano. Camera dei comuni: era dominata da clientele a vincoli di parentela. Era indispensabile entrare nell’orbita di chi esercitava il patronage corruzione. Stretti legami tra affari e politica. 1720: Compagnia dei Mari del Sud, scoppiò un grave scandalo. Robert Walpole salvò il governo e la corte. Emerse così come leader dei whigs e si impose fino al 1742. Andò gradualmente formandosi la tradizione di un governo di gabinetto (prefigurazione del passaggio da monarchia costituzionale a parlamentare). 1720-40: Walpole risanò le finanze, adottò una politica fiscale moderata, mirò ad un’intesa con la Francia. Pressione per un maggiore impegno internazionale 1739: ripresa ostilità nei confronti della Spagna, partecipazione alla guerra di successione austriaca. Dimissioni di Walpole. Dopo un breve periodo di tensioni interne, l’Inghilterra si voltò interamente al rafforzamento dell’impero coloniale William Pitt (I° Ministro), whig, guidò il paese ai successi contro la Francia (1757-61). Il 1759 fu un anno trionfale. Si dimette nel 1761. 1760: sale al trono Giorgio III sostenne una pace moderata con la Francia (Parigi 1763).

Francia. Dopo la morte di Luigi XIV (1715), ci furono una serie di insuccessi in politica estera. Gli obiettivi di dominio oltremare furono sconfitti. Durante la reggenza del duca Filippo di Orleans e il regno di Luigi XV, tutta la politica francese apparve contrassegnata dall’incertezza e dalle crisi della monarchia assoluta. Conflitto con i parlamenti e incapacità di risolvere i problemi fiscali furono gli aspetti esemplari di una situazione senza sbocchi.

L’esercito Prussiano

1740-63: Federico II e la Prussia furono i grandi protagonisti delle guerre continentali, grazie soprattutto al potenziamento dell’esercito operato già da Federico Guglielmo il Grande Elettore. Federico II proseguì il rafforzamento dell’esercito e ampliò l’organizzazione burocratica-amministrativa, che aveva come obiettivo il mantenimento della macchina bellica. In tutti i paesi il reclutamento delle truppe era difficile (diserzione); disciplina durissima per controbilanciare l’estraneità dei soldati alle motivazioni della guerra.

Gli Europei in Asia

- la presenza dell’Europa in Oriente è soprattutto a carattere commerciale. Oceano Indiano: Portoghesi olandesi inglesi che rimasero i dominatori dei traffici orientali.
- I Portoghesi diedero vita a un impero economico di notevoli dimensioni. Organizzano un traffico inter-asiatico.
- Notevole sviluppo delle associazioni di mercanti. 1602: Compagnia delle Indie olandese inglese ha poi l’egemonia.
- In India la Francia cerca un dominio coloniale guerra con l’Inghilterra vince l’Inghilterra grazie alla potenza navale e trasforma il dominio commerciale in possedimento coloniale.
- Australia: si stabiliscono gli Inglesi, prima per colonie di deportazione, poi per popolazione.

L’America Spagnola e Portoghese

- America: impero coloniale della Spagna. Amministrazione centralizzata e controllata dalla madrepatria. Dominio per tre secoli. Era divisa in vicereami, più le audiencias (compiti giudiziari e amministrativi)
- Brasile portoghese: modello spagnolo. Alla fine del ‘500 assume importanza. Meno rigido il monopolio della madrepatria. Sistema fondato su piantagioni e lavoro degli schiavi neri.

Lo Stato Cristiano-Sociale dei Gesuiti (esperienza unica)

- Stati Missionari: protezione offerta da ordini religiosi, difesa delle popolazioni
- Paraguay. I gesuiti istituiscono 13 riduzioni. Eguaglianza sociale e comunità dei beni. Guerre contro i bandeirantes (cacciatori di schiavi).
- 1750: il Paraguay viene ceduto dalla Spagna al Portogallo. Il marchese di Pombal chiude le riduzioni e espelle i gesuiti.


Metalli preziosi, piantagioni, schiavi

- Assume un ruolo decisivo lo sfruttamento delle risorse di metalli preziosi. Antille, Messico, Perù.
- Si rafforza la grande proprietà terriera, e le specializzazioni produttive diffusione delle piantagioni. Canna da zucchero in Brasile.
- Manca la manodopera vengono importati schiavi neri dall’Africa (vittime di guerre interne) commercio triangolare (Africa, America, Europa).

Registrati via email