Dheeba di Dheeba
Ominide 154 punti

MARGHERITA DI VALOIS

Margherita di Valois (14 maggio 1553) è una principessa francese del ramo dei Valois-Angoulême della dinastia dei Capetingi, figlia di Enrico II di Francia e dell'italiana Caterina de' Medici, regina di Francia e Navarra in quanto prima moglie del protestante Enrico II di Navarra (futuro Enrico IV di Francia), sposato nel 1572.

Descrizione
Quella di Margherita è una figura controversa; mentre da un lato viene celebrata con la massima ammirazione, dall'altro, dopo la morte, viene scredita da numerose leggende e dicerie, che creano attorno a lei una reputazione scandalosa condivisa anche dai suoi contemporanei.

Solo alcuni storici dopo il XX secolo hanno cercato di rivalutare l'immagine di "donna viziosa", dedita ad una vita libera nei costumi, aiutata dalla fortuna della nascita reale, e in gioventù caratterizzata da frivoli passatempi, come lei stessa sottolinea nelle proprie Mémoires. D'altronde la sua popolarità si deve proprio a questo, al suo essere fuori dagli schemi rispetto ai valori e ideali di quell'epoca.

Libri e leggende la descrivono come una donna dalla eclatante bellezza, che ebbe numerosi ammiratori e amanti anche tra i suoi nemici, resta tuttavia difficile separare la verità dalle voci di presunte relazioni. In particolare Margherita diventa una delle principesse più in vista di Francia grazie al romanzo "la Regina Margot" dello scrittore francese Alexandre Duma, dove la sua reputazione non migliora certamente, in quanto viene presentata come una donna sì scaltra e dotata di un'intelligenza brillante, ma allo stesso tempo schiava di una madre avida di potere e dei propri desideri sessuali.

Rapporti con i genitori
Ha poco tempo per conoscere suo padre, ferito mortalmente nel 1559, quando lei ha appena sei anni. Con sua madre Caterina stringe rapporti distanti, provando per lei un misto di ammirazione e di timore. Margherita stessa scrive di nutrire un profondo risentimento contro la madre che dandola in sposa ad un ugonotto, l'ha imprigionata in una situazione senza sbocchi e in più, non si è preoccupata di mettere a rischio la sua vita pur di perseguire i propri scopi politici. Con il fratello maggiore Enrico, che diventa poi re di Francia, ha rapporti mutevoli nel corso della sua vita: in gioventù sono legati da una profonda complicità, ma in età adulta arrivano ad odiarsi a vicenda.

Educazione
Margherita trascorre i primi anni di vita a Saint-Germain-en-Laye, ricevendo un'educazione classica e umanistica, attraverso lo studio del latino, al quale si aggiunge lo studio della grammatica e della retorica. In seguito come tutte le principesse di Valois ha una vasta cultura religiosa, parla l'italiano e lo spagnolo. Parallelamente a queste materie, studia danza, musica ed equitazione: specialità nelle quali eccellerà in futuro. Si dedica inoltre alla lettura e alla composizione di poesie e canzoni.

Più tardi, all'età di 54, dimostra di essere una grande mecenate, aprendo, nel palazzo di sua proprietà fatto costruire di fronte al Louvre, un salotto letterario in cui organizza una società di scrittori, filosofi, poeti e studiosi, e da fastosi ricevimenti con spettacoli teatrali e balletti che durano fino a tarda notte. Nello stesso periodo oltre ad alimentare la propria cultura continua le sue opere di carità, distribuendo denaro e viveri ai mendicanti.

Matrimonio
Nel 1570, per concludere un'alleanza fra i cattolici e gli ugonotti francesi dopo anni di guerre di religione, Margherita viene data in sposa, al principe ugonotto Enrico di Navarra, erede di vasti possedimenti nel sud-ovest del paese e presunto erede della Corona di Francia. Le trattative matrimoniali si rivelano lunghe e difficili, a causa della madre di Enrico, che pretende invano la conversione di Margherita al protestantesimo. Alla morte della madre, Enrico sale al trono come Enrico III di Navarra.

Il loro è un matrimonio difficile, fatto di tradimenti reciproci, al quale Margherita si oppone fino all'ultimo, pur sapendo di dover ubbidire agli ordini materni. La presenza della Regina a corte è inutile, quasi dannosa, infatti Margherita si lamenta della poca influenza che ha sul marito. Ad alimentare l'odio tra i due coniugi sono le voci che circolano sul conto della Regina e soprattutto il fatto che è sterile e di conseguenza non in grado di dare ad Enrico un erede legittimo.

Mémoires
Nelle Mémoires, iniziate da Margherita presumibilmente nel 1595 per migliorare la propria immagine, "la regina Margot" si ritrae più volte vittima della negligenza del marito, che secondo lei non si è impegnato abbastanza per renderla madre, nonché vittima dell'odio del fratello Enrico III e dello scarso amore della madre Caterina. Le Mémoires si interrompono agli inizi del 1585 e sono forse andate perdute, infatti il manoscritto sarebbe stato ritrovato in cattive condizioni e con pagine mancanti.

Per concludere, Margherita, a cui il potere politico, che contraddistingue invece la madre Caterina de Medici, è stato precluso, incarna in ogni caso un ideale di fascino femminile, unito ad un fine intelletto e ambizione di poetessa.

Margherita di Valois si spense il 27 marzo 1615, a Parigi, all'età di 61 anni.

Registrati via email