SteDV di SteDV
Habilis 4202 punti
Questo appunto contiene un allegato
Martin Lutero - Riforma protestante scaricato 138 volte

Lutero e la riforma protestante

Le origini della Riforma protestante

La Riforma della Chiesa ebbe inizio con la critica del monaco tedesco Martin Luther (Lutero) alla pratica corrotta delle indulgenze (le 95 tesi di Lutero). In effetti, la concessione delle indulgenze era diventata, negli anni, un riconoscimento elargito dalla Chiesa in cambio di denaro, per sanare i costi cui la Curia e i vescovi dovevano far fronte. La spesa per la nuova basilica di San Pietro aveva indotto il papa a concedere capacità speciali ai vescovi, quali l’acquisto di diocesi e la “vendita”, appunto, delle indulgenze.

In origine l’indulgenza consisteva nella remissione della pena inflitte al peccatore per la confessione delle sue colpe. Era una pratica medievale e nasceva dai dogmi della teologia cattolica. Tra il XIII e il XIV secolo la Chiesa aveva affermato l’esistenza del Purgatorio tra l’eterna dannazione dell’Inferno e il luogo di perenne beatitudine: è la dimensione intermedia, in cui l’anima espia i suoi peccati prima di raggiungere il Regno dei Cieli. Nel clima di speculazione del primo Cinquecento si diffuse l’idea che l’indulgenza cancellasse le colpe ai peccatori e dietro pagamento gli ecclesiastici la promettevano.

La critica di Lutero nacque dalla convinzione che la salvezza umana risiedesse in Dio e che solo la fede conducesse alla giustificazione dell’anima. Il commercio delle indulgenze era dunque una pratica blasfema e la concessione stessa della grazia un riconoscimento inutile.

Le tesi di Lutero divennero estremamente popolari benché il monaco le avesse poste all’attenzione dei soli vescovi e dei teologi. La reazione di papa Leone X fu durissima: egli condannò le tesi luterane e con la bolla Exsurge Domine riaffermò il potere della Chiesa. Ma Lutero ebbe il tempo di raccogliere consensi, tra i principi tedeschi e tra i teologi che lo seguirono sulla strada dello scisma.

La rottura definitiva tra la Chiesa e la dottrina luterana avvenne nel 1520 con i successivi scritti del monaco ribelle. Nel 1521 Lutero fu scomunicato dal papa e con l’editto di Worms anche Carlo V bandì le sue teorie. Lutero fu salvato dall’arresto dal suo protettore, il principe tedesco Federico di Sassonia, e rifugiatosi presso di lui compì la traduzione in tedesco delle Sacre Scritture. L’atto fu un nuovo affronto per la Chiesa, poiché presupponeva una capacità spirituale dell’uomo all’infuori dell’autorità ecclesiastica. Traducendo le Scritture in volgare ed adottando i nuovi metodi di stampa, Lutero diffuse facilmente la sua dottrina, che presto condizionò la spiritualità dell’intero continente.

La Riforma in Germania

La Riforma luterana cominciò a diffondersi in Germania dal 1521 e trasse vantaggio dai mali remoti della Chiesa. Nel territorio tedesco si distinsero piccole comunità religiose che abbracciarono il luteranesimo e presto la Riforma prese piede in Austria, in Ungheria, in Olanda, in Svizzera e in Svezia. Molti principi dell’Impero germanico si ribellarono all’autorità imperiale sulla base del pretesto religioso: Lutero garantiva loro il pieno controllo sulle masse popolari purché ad ogni cristiano fosse riconosciuta la libertà di fede (dottrina luterana dei due regni, spirituale e politico).

Tuttavia, in Germania, la rivolta andò ben oltre i limiti previsti da Lutero. Fu il caso dei cavalieri e dei contadini, che rifacendosi sommariamente alla dottrina luterana, saccheggiarono città e monasteri. Condannati da Lutero stesso, furono soppressi dall’autorità monarchica.

L’ordine della Riforma fu minacciato, in seguito, dalla protesta degli anabattisti (ribattezzatori, poiché rifiutavano il battesimo in età infantile), la setta religiosa che si distaccò dal movimento riformista in nome del suo credo, votato alle Scritture.

Lo scontro più acceso venne, però, con l’aperto schieramento dei principi rispetto alla questione religiosa: si formò un’alleanza cattolica filo-imperiale e, in risposta ad essa, una coalizione dei principati favorevoli al luteranesimo (come il Ducato di Prussia, fondato dall’ordine teutonico). Questi ultimi si ribellarono all’editto di Worms, con cui Carlo V aveva condannato la Riforma luterana, e protestarono (da qui la definizione di protestantesimo). Su invito del Papato, Carlo V cercò più volte di sconfiggere il movimento riformista, ma la guerra dei principi infine fu sfavorevole all’Impero. Con la pace di Augusta (1555) si sancì definitivamente l’esistenza del culto protestante in Germania e il principio del cuius regio eius religio, per cui ogni stato poteva assumere la religione del sovrano.

La Riforma in Europa e l’anglicanesimo

La diffusione del protestantesimo in Europa ebbe, oltre a Lutero, più protagonisti.

In Svizzera fu portavoce della Riforma il parroco Huldreich Zwingli, che gettò le basi per l’adesione del paese al culto luterano. La rivolta svizzera fu in seguito promossa da Giovanni Calvino (di origini francesi), che ispirò e condusse la fondazione di uno Stato confessionale in cui i princìpi religiosi erano leggi civili. La dottrina di Calvino, per quanto ispirata alle predicazioni di Lutero, si distinse da queste ultime ed ebbe una sua diffusione in Francia, Olanda, Scozia e Inghilterra.

Il re inglese Enrico VIII, della dinastia dei Tudor, fu inizialmente un accanito sostenitore della Chiesa cattolica, tanto che fu definito defensor fidei (“difensore della fede”) dal Papa stesso. Tuttavia, la situazione religiosa in Inghilterra era complessa: a livello popolare e intellettuale era attivo il dibattito sulle predicazioni di Lutero e la stessa dinastia regnante era ostile alle libertà giurisdizionali e politiche di cui godeva il clero locale. Quando Enrico VIII, già sposato con Caterina d’Aragona, chiese in moglie la nobildonna inglese Ann Boleyn (Anna Bolena), il Papa si rifiutò di riconoscere l’unione. Enrico VIII si proclamò allora protettore della Chiesa d’Inghilterra e con l’Atto di supremazia, seppur scomunicato da Roma, fondò una Chiesa inglese contrapposta a quella romana. La Chiesa anglicana adottò inizialmente la struttura e le convinzioni tipiche del cattolicesimo, ma ben presto si accostò alla dottrina protestante. Con la Riforma anglicana, la corona inglese si appropriò dei beni ecclesiastici e dell’autorità che tradizionalmente spettava al Papa. La resistenza di nuclei cattolici e calvinisti, avversi alla gerarchizzazione della Chiesa inglese, non impedì a Enrico VIII e ai suoi eredi di mantenere il potere religioso sul regno.

La Riforma in Italia

La Riforma protestante si diffuse soprattutto nel cuore dell’Europa e nelle aree settentrionali, mentre nel Mediterraneo ebbe scarso rilievo. In Italia la Chiesa romana riuscì a mantenere il controllo religioso sulla popolazione e impedì la diffusione delle idee protestanti attraverso l’Inquisizione e la censura. I soli episodi di adesione al protestantesimo si ebbero con il socinianesimo di Lelio e Fausto Socini e con le rivendicazioni dei valdesi. Il movimento religioso dei valdesi, fondato da Pietro Valdo nell’XII secolo, reclamava la necessità di tradurre la Bibbia nell’idioma locale ed era fortemente avverso alla ricchezza ostentata dalla Chiesa.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email