Ominide 19 punti

Le monarchie assolute: La Russia

È completamente isolata, come difesa dell'impero bizantino. L'unica possibilità di espandersi era la Siberia, tentativo riuscito da Alessio I (1645-1676). Combatte anche contro la Polonia riuscendo a prendere al confine qualche territorio. Alla morte di Alessio la primogenita è Sofia che ha la reggenza e riesce a mantenere il potere grazie alla forza militare degli Strelitzi, il corpo di guardia dello zar.
Uno dei fratelli di Sofia, Pietro riuscì a salire al potere lottando con tutte le forza per imporsi alla sorella. Fu chiamato "il grande" perché era alto 2m!
Quando è a Mosca viene a contatto con un quartiere dove erano presenti tante nazionalità diverse. La sua azione di governo si potrebbe definire Occidentalizzazione, è l'unico zar che si è reso conto dell'arretratezza della Russia. Occorreva avvicinarla sia culturalmente che fisicamente all'occidente. Fa un viaggio in Inghilterra e in Irlanda per cui ebbe una profondissima ammirazione.

Deve tornare in Russia, perché sua sorella tenta di fare un'insurrezione, ma appena arriva Pietro la manda al confino e ribadisce il suo potere.
Ha imposto il modello occidentale senza il consenso del popolo. Ha creato una monarchia assoluta eliminando il parlamento russo ( Duma dei Boiari -1714- ).
Edifica una monarchia assoluta attraverso:
1) Elimina la Duma dei Boiari (1714) (aristocrazia feudale) sostituendola con un Senato di 9 membri da lui scelti con compiti di controllo sull'amministrazione finanziaria ma anche con la funzione di corte suprema di giustizia.
2) Istituisce un Santo Sinodo (1721) che ha il potere di controllare la vita spirituale e sull'immenso patrimonio della Chiesa Ortodossa.
3) Politica interna: tutte e riforme di Pietro furono volte al conseguimento di un unico e fondamentale obiettivo riassumibile in una sola parola: occidentalizzazione. Un occidentalizzazione imposta, più che proposta, da un sovrano che resosi conto della profonda arretratezza del suo paese, vuole mutare una situazione con un cambiamento in taluni casi troppo rapido. È il caso per esempio del suo intervento sulla situazione sociale. Il suo intervento infatti finì addirittura per rafforzare gli ordinamenti feudali: in cambio dell'obbligo di entrare al servizio dello stato,, i nobili russi ottennero l'ampliamento dei loro diritti sui contadini che venivano così sempre più relegati in una condizione di dura servitù ( la servitù della gleba in Russia viene eliminata solo nel 1861 ).
4) Istituisce una "tabella dei gradi" (1722) con la quale lo zar sancì la centralità dei criteri di carattere meritocratico : tutte le cariche militari e civili furono classificate in 14 gradi e il passaggio da uno inferiore a uno superiore venne subordinato all'acquisizione di adeguati meriti.
5) L a politica estera è stata volta allo scopo di guadagnarsi una finestra sull'Europa . Ha combattuto sia in Polonia e al Nord con la Svezia. Decide di spostare la capitale in una città nuova secondo i sui canoni, San Pietroburgo (1703).

Trattato di Nystadt (1721) sancisce l'acquisizione da parte russa delle terre sul Baltico orientale.

Registrati via email