L’Italia campo di battaglia d’Europa

Le guerre di predominio

Dalla fine del Quattrocento l’Europa fu caratterizzata da una serie continua di guerre per il predominio degli Stati più potenti a danno degli altri.
Tra i protagonisti di queste guerre furono la Francia e la Spagna che erano le monarchie più potenti. Nel 1494 iniziarono le guerre d’Italia combattute da Francia e Spagna per la conquista della penisola. Le cause di queste guerre furono di due tipi: politiche a causa della divisione dell’Italia in molti stati rivali fra loro ed economiche poiché consideravano L’Italia un Paese ricco.
Queste guerre segnarono l’inizio di un’epoca di decadenza per l’Italia.

La prima fase delle guerre d’Italia

All’inizio i protagonisti delle guerre d’Italia furono tre re francesi: Carlo VIII, Luigi XII e Francesco I. Carlo VIII fu il primo ad invadere l’Italia nel 1494 e senza quasi incontrare resistenza arrivò fino a Napoli e strappò il regno agli Aragonesi. La Spagna preoccupata della potenza francese si alleò con l’Impero, Venezia e altri Stati italiani e costrinse Carlo VIII a lasciare la penisola. Nel 1499 il successore di Carlo VIII, Luigi XII ritentò la conquista dell’Italia, ma anche lui fu sconfitto dalla Spagna. Toccò poi al suo successore Ferdinando I, che nel 1515 conquistò Milano, vincendo la battaglia di Marignano e poi concluse con la Spagna la pace di Noyon (1516) alla Francia fu assegnato il Ducato di Milano, alla Spagna il Regno di Napoli.

L’elezione dell’Imperatore Carlo V

Nel 1516 morì il sovrano spagnolo Ferdinando d’Aragona e Carlo d’asburgo divenne re di Spagna.
Egli alla morte dell’imperatore Massimiliano si candidò assieme al re di Francia Francesco I per la sua successione. Con i soldi dei potenti banchieri tedeschi comprò i voti dei grandi elettori. Il 28 giugno 1519 con il nome di Carlo V venne eletto imperatore su un territorio immenso che oltre all’impero comprendeva i Paesi Bassi e la Francia Contea, il Regno di Spagna con il Regno di Napoli e tutte le colonie nelle Americhe, il feudo tradizionalmente controllato dagli Asburgo.
Registrati via email