Ali Q di Ali Q
Mito 23936 punti

Impero ottomano - La crisi

Entrato in un continuo processo di decadenza, anche perché travagliato da gravi tensioni interne, sociali e religiose, l’impero ottomano viene gradualmente respinto verso la sua capitale, Istanbul.

Parte un’offensiva austriaca lungo il Danubio e verso i Balcani e i Carpazi, conquistando Belgrado.

Viene stretta nel 1718 la pace di Passarowitz, con la quale passano sotto il dominio austriaco la Valacchia e la Serbia.
L’avanzata austriaca prosegue, ma è poi costretta a fermarsi successivamente anche a causa di alcune disfunzioni amministrative e finanziarie all’interno dell’impero di Carlo XII.
Anche la Russia si ingrandisce, arrivando fino al Caspio.

Quando scoppia la guerra di successione polacca, si crea poi un fronte austro-russo contro i turchi, tuttavia il disfacimento turco viene prevenuto dalla Francia (da sempre alleata della Turchia), che blocca l’avanzata austriaca e promuove una pace.

E’ un successo diplomatico della Francia, che rientra da protagonista nella politica Europea.

I Turchi concedono a Parigi privilegi commerciali per i traffici in oriente e il protettorato delle chiese cattoliche in Terra Santa.

Registrati via email