vally32 di vally32
Habilis 2556 punti

L'Europa della Restaurazione

Le potenze europee uscite vittoriose dallo scontro con Napoleone si riunirono nel Congresso di Vienna (1815) per decidere quali sarebbero state le sorti del vecchio continente in base al:

- Principio di legittimità: che stabiliva che per quanto possibile, la sovranità venisse restituita ai legittimi sovrani, ovvero i sovrani che regnavano negli Stati prima delle conquiste napoleoniche.

-Principio d'equilibrio: in base al quale dovevano essere ridefiniti i confini dei diversi Stati, senza indebolire o rafforzare nessuno, per impedire la creazione di nuove guerre.

In base a ciò comincia il periodo della Restaurazione che si conclude solo nel 1848.
Il principale artefice fu il ministro degli Esteri austriaco Metternich.
La Francia insieme agli altri Stati ritorna ad essere una monarchia, deludendo le aspirazioni liberali e democratiche della rivoluzione.

La Prussia, la Russia e l'Austria si stringono nella Santa Alleanza, un trattato di difesa, in cui si stabiliva che gli eserciti delle tre potenze dovevano intervenire ogni qualvolta che insurrezioni popolari o rivoluzioni, in quei Paesi, tentassero di rovesciare il sovrano legittimo.

Con la Restaurazione si aprì  anche un confronto tra correnti di pensiero diverse:

- Reazionari : sostenevano la Restaurazione e condannavano la Rivoluzione Francese.
- Conservatori: si opponevano al ritorno nell' Antico Regime.
- Liberali: propugnavano la libertà degli individui.
- Democratici: sostenevano la necessità di uguaglianza politica tra le persone.
- Socialisti: lottavano per l'uguaglianza economica.

E gli ideali di libertà della Rivoluzione Francese trovarono continuazione dei MOTI INSURREZIONALI, ovvero insurrezioni armate nel governo, contro il governo e i sovrani.
L'obiettivo condiviso era di ottenere una COSTITUZIONE a garanzia dei propri diritti rispetto all'autorità monarchica.
I moti partirono nel 1820-21 in SPAGNA, ITALIA e RUSSIA, senza avere risultati e finendo per essere REPRESSI NEL SANGUE.
In Italia ci riproveranno nel 1830-31, nel 1833 (organizzati da Giuseppe Mazzini) e nel 1848, sempre però, senza risultati.
La Grecia invece riuscì ad ottenere la dipendenza dall' Impero Ottomano.
La Francia, nel 1830 riuscì ad instaurare una Monarchia Borghese sotto Luigi Filippo d'Orléans.
Successivamente, solo il BELGIO riuscì ad ottenere la dipendenza dall'Olanda.

L'esperienza europea ebbe forti ripercussioni anche in America latina, dove tra il 1811 e il 1828 la maggior parte delle colonie spagnole e portoghesi riuscirono a ottenere l'indipendenza.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email