Le civiltà precolombiane


I caratteri delle civiltà amerinde

Giunti nel Nuovo Mondo gli Europei vennero in contatto con popolazioni sconosciute , che per i loro costumi furono ritenute selvagge. Il nome indios con il quale vennero chiamate nacque dall’errore di Colombo, che riteneva di essere giunto nelle favolose Indie. Oggi preferiamo il termine Amerindi che significa “popolazioni americane”. Gli amerindi non utilizzavano ne la ruota e neanche l’aratro, per questo vennero giudicati arretrati, in realtà si trattava di diverse culture che non avevano impedito agli Amerindi lo sviluppo di grandi civiltà.

La comune origine degli Amerindi

L’origine di questi popoli va rintracciata nella preistoria in Siberia dove circa 35000 anni fa ci fù l’ultima glaciazione: il mare si ritirò e si creò un ponte di terra tra l’Asia e l’Alaska, nello stretto di Bering. Questo permise circa 12000 anni fa il passaggio in America di popolazioni siberiane. Da quel primo gruppo presero origine gli Aztechi, i Maya, gli Inca e le tribù del Nord America.
Dopo questa prima migrazione , anche gli Esquimesi raggiunsero il continente americano circa 7000 anni fa, terminata la glaciazione, il livello dell’Oceano si innalzò e il passaggio venne sommerso.

Le condizioni ambientali

I territori abitati dalle civiltà amerinde si estendevano dal Messico all’America meridionale: un’area con clima tropicale , grandi foreste pluviali, paludi ed anche deserti. I popoli amerindi dovettero adattarsi ai vari ambienti, modificarli per renderli abitabili.
Gli Aztechi costruirono le città su isolotti in paludi bonificate, i Maya dovettero affrontare la foresta per coltivare il mais e costruire le città. Gli Inca furono abilissimi costruttori di strade e ponti per superare le altezze delle Ande.

Lo scontro con gli Europei

Dopo i primi contatti pacifici, la volontà di impadronirsi dell’oro, schiavi e territori spinse gli Europei a eliminare la resistenza delle popolazioni locali. Lo scontro sul piano militare era impari: gli Amerindi avevano archi e frecce, spade e lance di legno o pietra, mentre gli europei possedevano armi da fuoco, avevano armature e utilizzavano i cavalli. Agli amerindi sembrava di combattere contro nemici mostruosi, invincibili e mai affrontati prima.
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email