Genius 5605 punti

Alleanza di Cognac e il sacco di Roma

Francesco I fondò un’alleanza a Cognac, cittadina francese, a cui aderirono molti stati europei tra cui lo Stato pontificio. Alla ripresa delle ostilità, la guerra della lega di Cognac fu nuovamente vinta su tutti i fronti dall’Impero. L’aspetto interessante di questo conflitto fu che Carlo V, per colpire il papa, seppur fosse cristiano, mandò in Italia un esercito di militari tedeschi luterani chiamati lanzichenecchi, con l’ordine di sconfiggere le truppe francesi che si trovavano nella penisola. I lanzichenecchi rappresentavano la forza militare imperante del secolo corrente : erano i soldati più forti e più temibili come lo erano i mercenari svizzeri, ma erano inaffidabili poichè durante le battaglie non erano mossi da un sentimento patriottico e spesso, quando la situazione della battaglia volgeva a loro contro, si davano alla fuga e ciò andò a danno dei sovrani che gli ingaggiavano; inoltre erano molto costosi e forse per questi motivi gli stati che divennero regni autonomi uniti da un vero e proprio senso patriottico, dopo un breve periodo dalla loro unità, iniziarono a costruire un proprio esercito autonomo, come sarà l'esempio dell'esercito francese sotto Luigi XIV. Inaspettatamente, nel corso della guerra, siccome Carlo V non riuscì più a pagare questi militari, essi decisero volontariamente di dirigersi verso Roma, di saccheggiarla e di colpire il papa. Nel 1527 i lanzichenecchi compirono il Sacco di Roma e, sconfitta la leggera resistenza fiorentina guidata da Giovanni dalle bande nere, saccheggiarono completamente la città per circa tre mesi, generando un clima di paura e violenza. Il papa Clemente VII riuscì miracolosamente a salvarsi, rifugiandosi nella fortezza imprendibile di Castel Sant’Angelo, grazie al sacrificio delle guardie svizzere. Si giunse dunque a una pace secondo il quale il papa riconosceva nuovamente Carlo V imperatore e gli garantiva l’incoronazione a re d’Italia. In cambio Carlo V ritirò i lanzichenecchi da Roma e restituì al papa i territori conquistati. Dopo molto tempo Roma aveva subito un altro storico sacco e la vergogna di tale umiliazione fu grande per la città capitolina, una volta centro imperante di tutto il mondo conosciuto nell'era Romana.

Registrati via email