Ominide 2537 punti

Scoperte del 500 e conseguenti cambiamenti

Per gli uomini del Medioevo il mondo conosciuto aveva un’incertezza nella geografia e nei confini. Il mondo conosciuto era chiuso a Occidente da un mare inaccessibile e a oriente da deserti impenetrabili. A rendere possibili questi viaggi, è stato un concorso di diversi fattori: il finanziamento dei sovrani iberici che fornirono navi ed equipaggi; le nuovi navi a vela atre alberi che permettevano di sfruttare meglio i venti ed erano dotate di uno scavo più ampio per alloggiare il materiale necessario per le lunghe traversate; i progressi della cosmologia; le nuove conoscenze nell’ambito della cartografia e della meteorologia. Le civiltà precolombiane dei maya, degli aztechi e degli inca non avevano una piena padronanza della metallurgia del ferro, mentre quella dell’oro era pienamente usata; non conoscevano l’uso della ruota, né dell’arco in architettura. Il metalli preziosi giocarono un ruolo importante nell’economia cinquecentesca: non tanto quello di promuovere meccanicamente la crescita dei prezzi, bensì quello di stimolare consumi e investimenti. Il rincaro dei prezzi colpì soprattutto alcune categorie sociali. A favorire i contatti tra civiltà tra civiltà orientali e occidentali era l’unificazione dei territori dell’Asia sotto il governo di Gengis Khan che assumeva benessere e tranquillità.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email