vally32 di vally32
Habilis 2556 punti

Matilde di Canossa

 Matilde di Canossa

Vita di Matilde di Canossa

La Grancontessa Matilde di Canossa (1046-1115), fu una contessa e feudataria molto potente, ai tempi del Medioevo.
Grande sostenitrice del Papa, durante la lotta tra Impero e Papato, era considerata più debole, perché era donna.
Nasce a Mantova nel marzo del 1046, dove suo padre, Bonifacio di Canossa,aveva una reggia, ma fu costretta a fuggire con sua madre, Beatrice di Lorena, dopo le morti di suo padre (assassinato da uno dei suoi vassalli), suo fratello e sua sorella (si presuppone per avvelenamento involontario).
A Firenze la madre si risposa con un vedovo, Goffredo il Barbuto, di cui il figlio, Goffredo il Gobbo, viene promesso in sposa a Matilde di Canossa.

Alla morte del patrigio, Matilde di Canossa sposa Goffredo il Gobbo, e nasce un figlia Beatrice, che però muore in fasce. Fugge dal marito, e arriva a Mantova, poi a Pisa, dove sua madre Beatrice muore nel 1076.
Da quel momento Matilde, riceve in eredità un grande patrimonio di terre che si estendeva su Lombardia, Toscana e Emilia - Romagna. Nel 1075, Papa Gregorio VII emanò un decreto chiamato Dictatus Papae.
In questo documento Gregorio VII attribuiva al papa molti poteri: egli veniva considerata l'autorità più importante esistente al mondo, al dì sopra dell'imperatore.
Ma l'imperatore Enrico IV non accettò la decisione e invitò i vescovi italiani e tedeschi a cacciare il papa.
Gregorio VII scomunicò l'imperatore, e creò una guerra tra nobili.
Matilde di Canossa si schierò secondo la sua volontà, a favore di Papa Gregorio VII, nonostante l'imperatore fosse suo cugino.
Enrico IV decise di scendere in Italia. Papa Gregorio VII lo ricevette nel gennaio del 1077, quando era nell'Appennino emiliano, mentre era ospite di Matilde, nel castello dei Canossa.
L'imperatore dovette farsi perdonare, stando per tre giorni e tre notti davanti alla porta d'ingresso del castello, cosparso di cenere.
Papa Gregorio VII decise di perdonarlo il 28 gennaio 1077, e gli revocò la scomunica.
Nel 1079 Matilde donò al papa i suoi domini, sfidando l'imperatore, ma nel 1080 Enrico IV con un Concilio fece deporre il papa, e decretò Matilde deposta e bandita dall'Impero.
Matilde non si arrese e il 2 luglio 1084, sbaragliò l'esercito di Enrico IV nella Battaglia di Sorbara a Modena.
Nel 1088, Matilde dovette subire un altro scontro con Enrico IV, arrabbiato con lei a causa della sua alleanza con il Papa. Matilde di Canossa si preparò, dunque, per un matrimonio politico. Sposò il duca Guelfo V che, però rifiutò tre volte Matilde sul letto nuziale e lei lo cacciò. Matilde di Canossa morì di gotta nel 1115, pochi anni dopo essere proclamata Regina D'Italia da Enrico V.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email