blakman di blakman
VIP 9176 punti

L'affermazione delle signorie in Italia

Al principio del Trecento si ripropose in Italia la tendenza alla formazione di signorie personali che si era delineata gia nel secolo precedente,ma cui risultati non erano stati durevoli.Furono queste signorie a Milano,Venezia e Firenze ad avviare la costruzione degli stati regionali che costituiranno i poli dell'assetto politico italiano.Il XIV secolo fu decisivo anche per la formazione dello Stato della chiesa:con il ritorno del papa a Roma,nel 1377,dopo la cattività avignonese,fu rinsaldato velocemente il controllo sul Lazio;sugli altri territori pontifici si alternavano invece dispotiche signorie e libere istituzioni comunali.L'ultima importante aggregazione statale presente in Italia era il regno di Sicilia,che comprendeva anche la Sardegna e il regno di Napoli.nel 1302 esso venne diviso:il regno di Napoli rimase alla dinastia degli Angiò,mentre la Sicilia ando alla dinastia degli Aragonesi.Ma gli Angiò erano troppo divisi da lotte intestine e impegnati in guerre esterne,e nel 1442 la dinastia dei sovrani d'Aragona si impossessò di Napoli,legando il Meridione d'Italia per molti secolo alle sorte della Spagna.I tentativi di espansione che mettevano i signori l'uno contro l'altro trovarono un freno nella generale pace di Lodi del 1454,che portò a quarant'anni di stabilità,durante i quali,però,non cessò la rivalità tra i diversi stati e rimasero costanti le azioni di destabilizzazione dei regni avversari;questa situazione culminerà nelle guerre d'Italia che infiammarono i decenni attorno al 1500.

Registrati via email