I Franchi in Italia

I fatti si svolsero rapidamente. Nel 754 e poi ancora nel 756 Pipino venne in Italia, sconfisse Astolfo e fece donazione al papa delle terre tolte dai Longobardi a Bizantini (donazione di Pipino). Poi venne tentato, col successore di Astolfo, un accordo di tranquilla convivenza tra i Franchi e i Longobardi; e i due figli di Pipino, Carlo e Carlo Magno, sposarono due figlie di Desiderio, Ermengarda e Gerberga. Ma questo accordo, dopo la morte di Pipino, avvenuta nel 768, falli. I Longobardi seguitavano a dar fastidi al papa; e Carlo, rimasto unico erede di Pipino dopo la morte del fratello, aveva una gran voglia di muovere alla conquista d’Italia. Così, mentre il papa invocava il suo intervento, egli rimandò a re Desiderio le due figliuole: sua moglie Ermengarda, ripudiata, e la vedova di suo fratello con i figlioletti, esclusa dalla eredità. Dopo di che, nell’anno 774, si avventò sull’Italia.

Registrati via email