sedia90 di sedia90
Genius 9848 punti

Alto medioevo

• La prima importante realizzazione politica della “nuova” Europa, quella cioè nata dall’incontro tra società romana e germanica, è il Sacro Romano Impero, che riunisce per la prima volta dopo la caduta dell’impero romano buona parte dell’Europa in un altro impero, romano di nome ma germanico di fatto. A far rinascere questa prestigiosa istituzione politica è un guerriero franco che non sa né leggere né scrivere, Carlo Magno, che diviene quindi successore ideale di Augusto e di Traiano. Altri imperatori, prima franchi e poi tedeschi, ne ereditano il titolo e si adoperano per tenere unito questo mondo frammentato e minacciato dai nuovi ‘barbari’, normanni e ungari, che verranno però anch’essi assimilati.
• Quell’Alto Medioevo è, dal punto di vista culturale, una “repubblica cristiana”: il cristianesimo è infatti il cemento culturale capace di tenere insieme una miriade di organismi diversi. Roma è la sede indiscussa dell’autorità spirituale; la Chiesa monopolizza la cultura, fonda monasteri, diviene la più grande proprietaria terriera, s’intromette in ogni atto politico; la classe dirigente è costituita da vescovi e abati, fianco a fianco con militari e proprietari terrieri; tutti provengono dallo stesso ceto. Il baricentro politico e militare di questo mondo si posta dalle rive del Mediterraneo al nord Europa; quello spirituale invece rimane saldamente ancorato a Roma.
• Dal punto di vista sociale, in quest’epoca si pongono le basi dell’istituzione più caratteristica del mondo medievale, destinata a condizionare la società europea per molti secoli a venire, le cui ultime manifestazioni verranno spezzate via solo in età moderna, con la rivoluzione francese:il feudalesimo, che forma un equilibrio complesso di forze all’interno della società, sul principio che ogni individuo si trova gerarchicamente unito a un altro da un rapporto personale di fedeltà o vassallaggio.
• Questo tipo di società, nato in buona parte da esigenze militari e chiamato anche a surrogare la debolezza delle istituzioni statali, costituisce una realizzazione nuova e originale, assai diversa da quelle prodotte dal mondo antico.

Registrati via email