Ominide 46 punti

La scuola in Grecia

La scuola nella Grecia antica assume vari modelli a seconda della polis che si analizza. I principali ordinamenti sono quelli di Sparta e Atene.

LA SCUOLA AD ATENE

Ad Atene antica, lo scopo dell’educazione dei giovani era quello di produrre cittadini addestrati nelle arti, preparare cittadini per la pace e la guerra. Le ragazze non andavano a scuola, ma molte imparavano a leggere e scriver a casa. Fino all’ età di 6 – 7 anni, i ragazzi imparavano a casa dalla madre o da uno schiavo maschio. Dall’età di 6 anni fino ai 14 andavano ad una scuola elementare di quartiere o ad una scuola privata. I libri erano molto costosi e rari, così i pochi disponibili per la scuola venivano letti a voce alta e gli scolari dovevano imparare tutto a memoria. A scuola non c’erano quaderni o penne. I ragazzi usavano tavolette con sopra della cera e per scrivere usavano lo stilo. Usavano anche i regoli. Nella scuola elementare dovevano imparare due cose: i versi di Omero e suonare la lira. L’ insegnante poteva decidere di insegnare anche teatro, politica, arte, lettura, matematica e a suonare il flauto. Dopo le elementari alcuni ragazzi seguivano corsi di studio superiori per 4 anni. Quando compivano 18 anni entravano nella scuola militare per 2 anni. AA 20 anni conseguivano la laurea.

LA SCUOLA A SPARTA
Fino a 7 anni il bambino stava con la famiglia, poi lo Stato lo arruolava e lo poneva sotto la custodia di un educatore che ne aveva la responsabilità fino a quando il ragazzo compiva 12 anni. Nell’ antica Sparta lo scopo dell’ educazione era di creare i presupposti per un esercito forte. Gli Spartani credevano nella disciplina, ed erano fedeli allo Stato. Ogni Spartano, maschio o femmina, era tenuto ad avere un corpo perfetto. A 6 – 7 anni il bambino era affidato alla scuola militare dove si addestrava, viveva negli alloggi della sua fratellanza. Qui i ragazzi imparavano a sopravvivere e ad essere grandi soldati. I corsi erano duri e dolorosi. Gli veniva insegnato anche a leggere e a scrivere ma per loro non era importante. I ragazzi non erano ben alimentati e gli dicevano di rubare il cibo senza essere colti sul fatto. Se venivano scoperti gli era inflitta una punizione. A 18 anni dovevano superare prove difficili. Se non le superavano diventavano PERIOKOS ( potevano avere proprietà, praticare il commercio, ma non di esercitare diritti politici in quanto non erano considerati cittadini). Se superavano le prove diventavano soldati, cittadini con pieni diritti.
Le ragazze di Sparta andavano a scuola a 6 – 7 anni; non si conosce che tipo di scuola fosse ma anche a loro veniva insegnata la lotta, la ginnastica e il combattimento. Anche loro a 18 anni dovevano superare un esame. Se la ragazza lo superava le veniva assegnato un marito. Se falliva perdeva i diritti di cittadina e diventava una dei perieci.

Registrati via email