Ominide 37 punti

Il Rinascimento

Nel Medioevo tutta la vita degli uomini era condizionata dalla Chiesa, le malattie, le guerre; i terremoti erano considerati punizioni divine.
Dal 1400 si sviluppa in Italia un nuovo movimento chiamato " Rinascimento ", cioè rinascita in arte, letteratura, nei viaggi e nelle esplorazioni.
Si diffonde l'amore per il latino e il greco, considerate le lingue degli antichi maestri di vita e di pensiero.
Nella pittura si comincia a dipingere la natura e l'uomo anche nei ritratti (nel Medioevo i pittori non ritrovavano mai nè gli animali e nè ritratti degli uomini, ma solo figure dei Santi e di Madonne).
Nasce la prospettiva, grandi artisti come Michelangelo e Leonardo da Vinci affrescano la cupola di San Pietro e la Cappella Sistina.
Nel 1400 - 1500 le città italiane, con il superamento dei Comuni e la nascita delle Signorie, cambiano il loro aspetto, vengono costruiti palazzi eleganti e signorili per le famiglie agiate.

Le vie vengono allargate per permettere alle carrozze di passare comodamente.
Le case delle famiglie benestanti nel loro interno vengono fornite di ogni comodità: le stanze sono riscaldate dai camini, i saloni sono abbelliti da arazzi e quadri di ogni genere. Ogni palazzo elegante è fornito di un giardino.
Giovanni della Casa pubblica un libro, intitolato "Galateo", un libro che suggerisce come ci si deve comportare in ogni circostanza, rivolto alla buona società che frequentava la corte dei signori.

Registrati via email