Erectus 1122 punti

La Restaurazione

La Restaurazione inizia con il Congresso di Vienna ed è il periodo in cui i sovrani europei cercano di ritornare alla situazione esistente alla fine del settecento.
Per fare ciò i rappresentanti degli stati europei si riuniscono nel Congresso di Vienna (1814-1815) per riportare i confini degli stati alla situazione precedente alle conquiste napoleoniche, rafforzando però gli stati che avevano sconfitto Napoleone (l’Austria mantenne la repubblica di Venezia, L’Inghilterra conservò le colonie olandesi, la Russia mantenne il controllo della Finlandia e della Polonia, la Prussica acquistò diversi territori in Germania) e quelli ai confini della Francia così in caso di futuri attacchi erano in grado di difendersi: il regno di Sardegna ottenne la repubblica di Genova, il Belgio fu unito alle province unite formando il regno dei Paesi Bassi. Anche l’impero germanico fu sostituito da una confederazione germanica (1819) e subì cambiamenti di confine. Anche all’interno dei loro stati, i sovrani cancellarono le innovazioni portate da Napoleone: eliminarono il codice civile e restituirono alla nobiltà alcuni privilegi. Alcuni cambiamenti non poterono essere eliminati perché avrebbero provocato una rivolta, ad esempio restituire alla chiesa le terre messe in vendita e comprate dalla borghesia. Alcune riforme furono conservate come quelle che rafforzavano il potere dei re quindi gli stati che avevano subito il dominio napoleonico mantennero un ordinamento più moderno.

Molti stati rimasero monarchie assolute tranne la Francia dove Luigi XVIII concesse una costituzione (1814) e divenne una monarchia costituzionale, dove il diritto di voto era limitato ai cittadini più ricchi. Altre monarchie costituzionali: Inghilterra, Svezia, Paesi Bassi e alcuni stati tedeschi.
I sovrani di Russia, Prussica e Austria strinsero il patto di Santa Alleanza per appoggiarsi in caso di rivolte, è chiamato così perché basato sulla fede cristiana comune alla Russia Ortodossa, alla Prussica Protestante e all’Austria
Cattolica ( collaborarono anche Inghilterra e la Francia nel 1818).

Registrati via email