Emy2195 di Emy2195
Ominide 45 punti

La scoperta dell'America

- XV sec.: il Portogallo fu il primo stato europeo a fare viaggi di esplorazione lungo le coste africane. Soddisfacendo quindi le esigenze di un vasto ceto mercantile, attivo dalla seconda metà del ‘300, i sovrani Aviz, convogliarono le iniziative private all’interno del loro progetto di espansione, alla ricerca di terre, oro, argento, avorio e schiavi.
Dopo la conquista turca di Costantinopoli nel 1453, divenne più forte la volontà di arrivare via mare ai porti asiatici per rifornirsi di tessuti (seta), pietre preziose e spezie (le spezie sopprattutto servivano a conservare la carne e anche perchè l’Europa ne era priva).
Le esplorazioni portoghesi possono essere suddivise in quattro fasi importanti:
1. 1415-1434: iniziarono con la conquista di Ceuta, in Marocco. Questo primo periodo si concluse con il superamento del capo Bojador, sulle coste occidentali del Sahara.

2. 1434-1444: mentre navigavano verso sud, raggiunsero le isole di Capo verde e la foce del fiume Senegal.
3. 1445-1480 (circa): arrivarono a costeggiare il Golfo di Guinea, esplorato completamente, nonostante il clima a quelle latitudini rendesse difficile la conservazione del cibo e anche i viaggi.
4. 1482-1499: dopo il Congo e L’Angola, raggiunge il Capo di Buona Speranza Bartolomeo Diaz nel 1487 e, successivamente, al suo ritorno in patria fu imitato da Vasco De Gama. Egli, circumnavigò l’Africa e raggiunse l’India (Calicut). Nel 1499 tornò a Lisbona, con metà delle navi e dell’equipaggio ma con un carico molto prezioso tanto che ci fu l’approvazione papale all’espansione, quindi la monarchia ricorse al finanziamento dei banchieri privati europei per continuare l’impresa.
C’è da ricordare però, che ogni spesa valeva tanto, e tra i costi del viaggio va messo in conto il numero di vite umane perse a causa dei problemi che si riscontravano via mare, della fame e della sete. Le perdite di vite umane erano anche a causa dell’assenza di vitamina C negli alimenti essicati, di cui gli equipaggi si cibavano per mesi.

Innovazioni "tecnologiche"
Enrico il navigatore, terzogenito del re Giovanni I, organizzò la colonizzazione delle Azzorre e di Madeira, da cui incassò alti profitti.
L’astrolabio nautico: innovazione tecnica importante del XV. Serviva a calcolare la latitudine attraverso l’altezza della stella polare o del sole, esso rese possibile la navigazione d’alto mare.
Ma non fu questa l'unica innovazione del periodo. Venne costruita la caravella, ossia una nave rapida in grado di muoversi controvento. Fu perfezionata nel 1440 dai portoghesi.
Essa era dotata di un bordo alto, e aveva uno scafo da pescaggio di soli due metri. Aveva una forma allungata e munita di vele adeguate, ossia vennero sostituite le tipiche vele latine con delle vele quadre che davano velocità alla nave. Nonostante la sua velocità però, essa si dimostrava inadatta per la navigazione transoceanica e anche all’imbarcare artiglieria pesante.

Il trattato di Tordesillas
Il trattato di Tordesillas (1494), consisteva nel spostare la Raya (linea divisoria fra l’area d’espansione portoghese e quella spagnola) a 370 leghe dopo la “scoperta”dell’America.
(LEGA: unità di misura di lunghezza.)

La scoperta dell'America e di altri territori
Cristoforo Colombo nacque a Genova nel 1451. Egli viaggiò, per scopi commerciali in Spagna, Portogallo e nell’isola di Madeira. Si accorse più tardi, solo attraverso la lettura di libri di scienza e viaggi che l’unico modo per raggiungere le Indie più velocemente era la via d’Occidente.
I sovrani di Spagna (Isabella di Castiglia e Ferdinando d’Aragona) decisero, quindi, di finanziare il progetto di raggiungere l’Oriente seguendo la rotta occidentale.

La scoperta
Dopo circa due mesi di viaggio, il 12 febbraio 1492, Cristoforo Colombo approdò in un isola ribattezzata da lui con il nome di San Salvador, convinto di aver raggiunto l’Asia continuò il suo viaggio giungendo poi a Cuba e Haiti e, nella convinzione che fossero le Indie, le chiamò “Indie Occidentali” e gli abitanti “Indiani”.

Nel 1493 Colombo torna in Spagna, accolto onorosamente, divenne ammiraglio e vicerè.
Nel 1499-1502 il fiorentino Amerigo Vespucci, contemporaneamente, fece delle esplorazioni del continente meridionale, al servizio prima della monarchia spagnola e poi quella portoghese.
Nel 1500, sotto la guida di Pedro Alvares Cabral, alcune navi portoghesi raggiunsero casualmente le coste del Brasile, dove fondarono San Paolo e Bahia e anche quella terra entrò a pieno titolo nel sistema economico portoghese.
Qualche anno dop,o Ferdinando Magellano riuscì per la prima volta a completare il giro del mondo.

La conquista
Colombo fu la prima autorità coloniale europea in terre americane. Dopo di lui arrivarono i conquistadores, che selvaggiamente si spinsero all’interno del continente americano in cerca di ricchezze, iniziò così lo sfruttamento disumano degli abitanti e l’appropriazione delle risorse locali.
Alla dura colonizzazione delle Piccole e Grandi Antille ci furono:
1. la conquista del Messico da parte di Hernàn Cortés (1519-1522);
2. l’invasione violenta del Perù (1531-1533) di Francisco Pizarro;
3. sterminio degli Inas e degli Aztechi.

Registrati via email