_kia96_ di _kia96_
Ominide 1825 punti

Il dopoguerra in Italia

1944 - 45 crisi ideologica: rancori, odio, violenze ed esecuzioni sommarie sia da parte di nazisti e fascisti in fuga che da parte di talune bande dì partigiani.

Aspetto politico
2 giugno 1946: referendum (13m. repubblica/11m. monarchia). Ci furono anche le elezioni per eleggere l'Assemblea Costituente.
Affermazione di tre partiti:
- DC: Democrazia Cristiana;
- PSI: Partito socialista italiano;
- PCI: Partito Comunista italiano.
1945 - 47: governo di coalizione (antifascisti: Parri, De Gasperi).
Elezioni del 18 aprile 1948: vittoria della DC (De Gasperi), appoggiata dagli Usa e dalla Chiesa.
Inizia l'epoca del centrismo: 1949 adesione italiana alla Nato e avvio del piano Marshall.

Squilibri sociali e prime tensioni sociali
1962 accordo della DC con il partito socialista (primo governo di centro - sinistra).

1968 autunno caldo: rivendicazioni degli operai (sicurezza nel lavoro, non ci sono disparità tra il trattamento operai ed impiegati in caso di malattia ed infortunio). Statuto dei lavoratori. Movimento studentesco in appoggio ai lavoratori.
Anni '70: esplosione del terrorismo e anni di piombo.
Terrorismo nero:
- 1974: treno Italicus;
- 1975: Brescia: piazza della Loggia;
- 1980: stazione di Bologna.
Terrorismo rosso (Brigate rosse): attentati contro giornalisti e magistrati.
1972: necessità di un governo forte:compromesso storico(DC+ Partito comunista) Governi di solidarietà nazionale;
1978: assassinio di A. Moro;
anni '80: pentapartito;
anni '90: scomparsa della DC il Partito comunista cambia nome e diventa DS;
1992: tangentopoli (inchieste su una vasta rete di corruzione anche di uomini politici);
crisi ed intensificazione delle attività intimidatorie della mafia (Dalla Chiesa, Falcone e Borsellino).
Nuove formazioni politiche si alternano al potere.

Aspetto economico
- Scarsità generi di prima necessità: mercato nero;
- Inflazione: aumento dei prezzi;
- Disoccupazione;
- Differenza nord - sud.
1950: riforma agraria - creazione nel Meridione della piccola proprietà togliendo terre ai latifondisti e creazione Cassa del Mezzogiorno(assistenza tecnica e finanziaria ai contadini)
- Costruzione strade e ferrovie;
- Ricostruzione case e fabbriche.
1953 - 63: miracolo economico:
- raddoppio produzione industriale;
- servizi base (luce, acqua potabile bagni);

- aumento consumi alimentari e di beni durevoli (case, mobili, elettrodomestici, auto, Vespe e Lambrette);
- diffusione della televisione e della pubblicità.
divario nord — sud ed emigrazione meridionale
abbandono delle campagne e sviluppo città del nord.
1963: scuola media unica (frequenza fino a 14 anni);
1963: nazionalizzazione dell'ENEL;
1970: divorzio;
1975: riforma del diritto di famiglia e parità marito - moglie;
1978: aborto;
1978: sospensioni dell'attività delle centrali nucleari.
- Aumento spesa pubblica;
- forte evasione fiscale;
- fine miracolo economico.

Registrati via email