Habilis 627 punti

Il Congresso di Vienna e la Restaurazione

Con la sconfitta definitiva di Napoleone a Waterloo (1815), le potenze vincitrici dovettero affrontare una serie di problemi politici: un re, Luigi XVI, era stato imprigionato e decapitato; le idee della rivoluzione si erano diffuse; il dominio napolenico si era esteso su mezza Europa. Le tracce lasciate da queste vicende non potevano essere cancellate. Le monarchie vincitrici cercarono di ricostruire un'Europa il più possibile somigliante a quella precedente alla Rivoluzione francese. Questo loro tentativo si chiama Restaurazione. Già nel 1814 era stato convocato a Vienna un grande congresso internazionale, per decidere il nuovo assetto europeo. Vi partecipò anche la Francia del nuovo re Luigi XVIII; era l'abile ministro Talleyrand riuscì a salvaguardare i confini del suo Paese. Fu appoggiato dal primo ministro austriaco Metternich. Obbiettivi del Congresso furono:

- restaurare i regimi politici
- garantire all'Europa una pace duratura
- il principio di legittimità:avevano il diritto di tornare sul trono i sovrani "legittimi" che erano stati spodestati dai rivoluzionari o da Napoleone.
- il principio di equilibrio:le grandi potenze vincitrici dovevano ottenere vantaggi fra loro equilibrati.
Le decisioni più importanti prese dal Congresso furono:
- la Francia e la Spagna tornarono ai confini del 1789;
- l'Olanda e il Belgio furono uniti nel regno dei Paesi Bassi;
- la Svizzera venne riconosciuta come confederazione di 19 cantoni e neutrale;
- i 39 Stati tedeschi vennero riuniti nelle Confederazione germanica, preseiduta dall'Austria, che cercò di limitare l'influenza e lo sviluppo della Prussia;
- la Russia ottenne la Finlandia e gran parte della Polonia;
- l'Inghilterra si limitò a consolidare il suo enorme impero marittimo, acquistando importanti basi, fra le quali Malta, nel Mediterraneo, e la colonia del Capo, nell'Africa del Sud.
All'Austria fu attribuita un'ampia influenza sulla penisola italiana:
- il Veneto e Venezia furono uniti alla Lombardia austriaca; nacque così il regno lombardo-veneto;
- la Toscana andò a Ferdinando III di Lorena;
- a Maria Luisa, già moglie di Napoleone, fu assegnato il ducato di Parma e Piacenza;
- Francesco VI d'Austria-Este ottenne il ducato di Modena e Reggio;
- il regno di Sardegna fu restituito ai Savoia;
- al papa Pio VII fu restituito l'intero Stato della Chiesa;
- nel regno di Napoli rientrò Ferdinando I di Borbone;
Alla conclusione del Congresso di Vienna, lo zar di Russia Alessandro I stipulò un patto d'alleanza con i sovrani d'Austria e di Prussia. Nacque così la Santa Alleanza: un accordo di carattere politico-religioso con il quale i tre sovrani si impegnavano a prestarsi reciproco aiuto, in caso di bisogno.

Registrati via email