Ominide 34 punti

La guerra di secessione

L’America Settentrionale nel 1850 era divisa in due zone: gli Stati Uniti che erano popolati da quasi 30 milioni di abitanti; l’altra zona abitata dai pellerossa.
Negli Stati Uniti vivevano circa 25 milioni di bianchi di origine europea, mentre il restante 5 milioni erano neri.
Possiamo dire che gli Sati Uniti erano divisi in tre zone:
- Nord, vi era una società di “liberi”, dove la schiavitù era proibita e l’economia ruotava intorno alle fabbriche alle ferrovie al carbone e all’acciaio;
- Sud vi era una società con poche industrie, che si basava sul lavoro degli schiavi neri;
- Ovest invece era ancora poco popolato, ma in via di intensa colonizzazione.
A causa di queste differenze economiche e sociali si è acceso intorno a quegli’anni un conflitto tra Nord e Sud.

Il Sud era un grande esportatore di cotone sia nel Nord che in Europa, perciò era favorevole al libero scambio, mentre il Nord era contrario, e quindi decise di segnare dei dazi doganali.
Un altro fatto che caratterizzava il conflitto fra Nord e Sud era l’approvazione e la non approvazione dalla schiavitù dei neri: il Sud credeva che fosse giusto schiavizzare i neri, considerata una razza inferiore e che perciò avrebbe dovuto essere trattata in quel modo. Il Nord invece non approvava questo fatto, anzi lo escludeva.
Nel 1860 venne eletto presidente Abraham Lincoln, che fu uno dei più acerrimi nemici degli schiavisti. A quel punto il Sud si dimostrò contrario persino alle autorità, tanto da formare una Confederazione del Sud, aprendo così la secessione tra i Sudisti e i Nordisti. Nel 1861 scoppiò la guerra e Lincoln fece subito votare la legge che diceva che tutti gli schiavi neri erano dichiarati uomini liberi, così in quello stesso anno 186.000 di neri entrarono nelle forze armate nordiste.
Questa fu una delle guerra più devastanti (quasi 600.000 di morti).
Intorno il 1861 e il 1862 non ci furono né vincitori né vinti, solo intorno al 1863 la fortuna si chinò per i Nordisti, per il fatto che possedevano un maggior numero di soldati e disponevano di più armi di quanto avessero potuto disporre i Sudisti.
La guerra durò ancora per un po’ fino all’Aprile 1865, quando la Confederazione del Sud si arrese.
Abraham Lincoln cercò di adottare delle misure di clemenza per i vinti, ma nel il 14 Aprile dello stesso anno Lincoln venne assassinato da un folle sudista.

Registrati via email