Eliminato 15 punti

Guerra Fredda

Nel 1949 gli stati uniti sconvolti dalla creazione della bomba atomica sovietica reaggirono con il patto Atlantico, un allenza che riuniva i paesi che accettavano la protezione nucleare americana. I sovietici elaborarono poi un accordo analogo con i paesi dell'europa orientale: il patto di Varsavia. Sempre nel 1949 la Cina divenne un paese comunista sotto la guida di Mao Zedong. Gli stati uniti decisero di riconoscere la Cina, lma la repubblica di Taiwan, dove si erano rifuggiati gli avversari di Mao. L'anno dopo sembrò che scoppiasse una guerra nucleare quando in Corea si fronteggiarono truppe statunitensi e cinesi, ma il presidente americano Truman si rifiutò di usare la bomba e scelse la via della diplomazia.
Si aprì allora il aprì allora il periodo della "guerra fredda", 40 durante i quali Usa e Urss si combatterono con armi politiche e diplomatiche senza mai approdare a una vera e propria guerra. i due paesi iniziarono una corsa agli armamenti e una serie di guerre periferiche scontrandosi indirettamente attraverso i loro alleanti in Asia e in Medio Oriente. Investirono inoltre somme enormi nei loro servizi segreti.

Alla morte di Stalin sembrò che si aprisse un' epoca i disgelo perché il suo successore, Krusciov, denunciò i crimini dell'epoca Staliniane si accordò con il presidente statunitense Eisenhower per evitare un confronto militare diretto e garantendo la non ingerenza dell'uno nel blocco dell'altro. La speranza che tutto ciò permettesse ai paesi del blocco comunista di cambiare il loro rapporto con l'Urss svanì quando una rivolta popolare scoppiata a Budapest venne soffocata dai carri armati sovietici. In questo contesto divenne presidente degli Usa John Kennedy, che volle lanciare il paese su una Nuova Frontiera: sconfiggere i pregiudizi, inviare l'uomo sulla Luna, aiutare i poveri, collaborare con l'Urss in una coesistenza pacifica.
Tale coesistenza venne però incrinata quando i sovietici, nella notte del 12 agosto 1961, costruirono il muro di Berlino che divise in due la città, bloccando la fuga dei tedeschi dall'Est all'Ovest.
L'anno dopo l'isola di Cuba, che Fidel Castro aveva liberato da un governo dittatoriale e corrotto, nazionalizzò le piantagioni di canne da zucchero danneggiando le multinazionali Usa che le avevano sfruttate fino ad allora. Per proteggersi Castro si alleò con l'Urss e accettò di ospitare dei missili puntati contro gli stati uniti. Di nuovo si rischiò di una guerra atomica che fu evitata all'ultimo momento.
Due anni dopo, nel 1963 Kennedy venne assassinato. Nuovi assassini e una guerra in Oriente (Guerra del Vietnam) provocarono la perdita di prestigio degli Usa.

Registrati via email