josh98 di josh98
Eliminato 285 punti

La Grande India e Gandhi

Fin dal XVIII secolo l'India era una colonia inglese. Il Partito del Congresso fu la guida politica del popolo indiano nella sua lotta per l'indipendenza, mentre la guida spirituale fu Mohandas Ganhi.
Gandhi si era sempre schierato dalla parte della giustizia e in particolar modo difendeva i diritti degli emigrati indiani in Sudafrica che venivano trattati come razza inferiore dai coloni europei. La sua unica forza per combattere le discriminazioni era la "non violenza".
In India egli risvegliò la popolazione, convincendo gli Indiani a lottare contro le ingiuste leggi degli Inglesi.
Il digiuno fu per Gandhi un mezzo per ottenere determinati scopi politici. Grazie a lui si svilupparono nuove forme di lotta: la "disobbedienza civile" e la "non violenza". I funzionari indiani dell'amministrazione coloniale diedero le dimissioni, gli studenti non frequentarono più le scuole inglesi, gli Indiani non acquistarono più prodotti inglesi e si rifiutarono di pagare le tasse: l'indipendenza era vicina. Infatti, il 15 agosto 1947 furono proclamati due stati indipendenti: l'Unione Indiana (induista) e il Pakistan (musulmano). Nei giorni stessi dell'indipendenza, in tutta la penisola si scatenò una guerra di religione tra indù e musulmani. Gandhi ne fu coinvolto: il 30 gennaio 1948, a Nuova Delhi, fu assassinato da un indù-nazionalista.

L'India indipendente divenne una repubblica ed ebbe una Costituzione democratica: uno dei primi articoli dichiarava che tutti i cittadini erano uguali di fronte alla legge. In questo modo le caste erano abolite. Entrò in vigore l'istruzione elementare e si stabilì la libertà di religione, di stampa, di parola e di riunione. Purtroppo nel tempo ci sono state molte guerre tra indù e musulmani: nel 1948 e nel 1965 per il possesso di Kashmir e nel 1971 una terza guerra portò alla formazione di uno Stato indipendente, il Bangladesh.
Oggi l'India vanta delle industrie di alto livello soprattutto per la produzione di calcolatori elettronici.
Nel settore terziario si sono moltiplicate le agenzie: studi di architettura, commercialisti, grandi università. Si sono inoltre sviluppati i call centers e il settore ospedaliero, molto riconosciuto e stimato negli Stati Uniti.
Nonostante questo sviluppo però ancora oggi molte zone dell'India soffre a causa della povertà: la maggior parte dei villaggi dei contadini non ha elettricità, non ha acqua potabile, non ha strade asfaltate, manca di ospedali, scuole e maestri. La conseguenza di questa situazione è l'alta mortalità che tocca i particolar modo bambini e donne.

Registrati via email