Storia del Pakistan

Indipendenza-La repubblica democratica del Pakistan, è un paese relativamente giovane, che è stato parte dell'India fino al 14 agosto del 1947.
I primi sostenitori per l'indipendenza di una nazione musulmana iniziarono ad apparire quando l'India era ancora una colonia britannica. Tra i più importanti sostenitori di questa idea erano lo scrittore e filosofo Allāma Muhammad Iqbal, che riteneva assolutamente necessario la creazione di uno stato indipendente per i credenti della religione mussulmana, ed era inoltre sostenuta da Mohammad Ali Jinnah, che viene oggi considerato il padre fondatore della nazione e che riuscì a convincere i britannici a dividere la regione in due parti: il Pakistan, a maggioranza musulmana, e l'India, a maggioranza indù.

Dal 14 agosto 1947 fino al 1971, la nazione fu costituita dal Pakistan occidentale e dal Pakistan orientale, essenzialmente bengalini. Nel 1971 il Pakistan orientale (attuale Bangladesh) si ribellò e, con l'aiuto di truppe indiane, divenne lo stato indipendente del Bangladesh, anche se l'India non concesse mai al suo Stato del Bengala di riunificarsi col Bangladesh.

Negli anni passati il Pakistan non è stato sempre uno stato Democratico come lo è ora, ma ha attraversato diverse fasi di dittatura e di democrazia.

Forma di governo- Attualmente nel Pakistan vige una forma di governo federale islamica, divisa in province, con i vari governatori.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email