sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-La Spedizione in Egitto di Napoleone-

Il Direttorio affidò a Napoleone l’incarico di attaccare la Gran Bretagna, ma era impossibile attaccarla via mare vista la forza navale Inglese.
Quindi il generale Bonaparte realizza un piano particolarmente articolato, dove inzialmente la Francia avrebbe attaccato l’Egitto, facente parte dell’Impero Ottomano, per poi prendere il controllo del Mediterraneo e bloccare le rotte per l’India degli Inglesi.
Dunque ha inizio questa spedizione in Egitto, dove l’Esercito Francese ha la meglio nella Battaglia delle Piramidi (1798) contro le truppe Ottomane, e riesce quindi a sottomette l’intero Egitto.
La Flotta Inglese, guidata dal comandante Nelson, però si accorse di tutto ciò e attaccò via mare la Flotta Francese, rimasta ad Abukir, e la distrugge completamente; l’Esercito Francese si trova quindi isolato in Egitto e quindi l’idea di poter contrastare gli Inglesi nel Mediterraneo e nell’Oceano Indiano era impossibile da attuarsi.

Nonostante dal punto di vista militare questa spedizione sia stata un fallimento, dal punto di vista scientifico e culturale è stata un successo, infatti esperti del settore, come archeologi o linguisti, studiarono l’Egitto e l’Oriente approfonditamente per la prima volta nella storia; nel 1799 venne trovata la Stele di Rosetta, una pietra sulla quale vi erano delle scritte in egiziano e in greco, che permisero la prima traduzione della scrittura geroglifica.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email