Erectus 630 punti

La società di Massa

Suffragio universale maschile (1890): era il diritto di voto a tutti i maggiorenni. In Italia fu introdotto nel 1912. I partiti dell’800 erano “partiti notabili” cioè dei gruppi di persone nati intorno a un personaggio che nè tracciavano il comportamento. Nel 900 si trasformarono in partiti di massa erano guidati da un solo gruppo di dirigenti. Questo partito fu proposto dai socialisti e a pochi cattolici. Aveva il compito di elaborare i programmi elettorali, scegliere i deputati per il parlamento. Il partito di massa fu formulato nel 1889 durante la riunione della Seconda Internazionale, dove adottarono la bandiera rossa come simbolo di lotta e come inno l’Internazionale e il primo maggio come festa dei lavoratori.
Negli Stati Uniti e in Europa si diffusero le organizzazioni sindacali nazionali, nacquero sia i sindacati di ispirazione socialista sia le leghe di ispirazione cattolica. Tutti e due si concentravano sulla tutela dei diritti dei lavoratori mentre l’altra gli aumenti salariali. La manodopera femminile era meno pagata degli uomini. la donna era esclusa dalla vita politica, non poteva votare; in alcune nazioni non potevano andare all’università e in Francia non potevano testimoniare nei tribunali. I primi movimenti femminili erano nati nel 1848 negli Stati Uniti dove protestavano di fronte ai seggi elettorali. Il diritto di voto negli Stati Uniti ci fu nel 1920. In Inghilterra gli uomini chiamarono le donne sufragette perché volevano ottenere il voto. Nel 1911 le donne fecero delle lotte dove furono ferite molte donne, alcune fracassarono le vetrine e incendiarono due stazioni. Parecchie furono arrestate ma in carcere fecero lo sciopero della fame. E il voto gli fu dato nel 1918.
In Italia il movimento femminista nacque per ottenere la parità del salario. Anna Kulisciuff fece una serie di scioperi delle operaie tessili che aveva come obbiettivo la parità salariale e la fine dello sfruttamento femminile. Durante la prima guerra mondiale le donne chiesero il diritto di voto e furono appoggiate anche dal papa.
Le donne italiane iniziarono a votare nel 1946. La nascita della società di massa fu determinata dalla produzione in serie, consumismo e sufragio universale.

Registrati via email