Ominide 592 punti

Origini del secondo conflitto mondiale

Equilibrio precario


L’equilibrio ripristinato dopo la prima guerra mondiale era alquanto precario. Fu di radicale importanza il crollo della borsa del 1929, che causò una fortissima crisi non solo negli Stati Uniti ma in tutto il mondo, provocando un irrigidirsi dei rapporti internazionali e l’avvento di regimi autoritari. Le mosse della Germania furono:
- Ritiro dalla Società delle Nazioni - 1933;
- Patto di non aggressione con la Polonia – 1934;
- Riacquisizione del Saar – 1935.

Espansionismo tedesco


Dal 1936 al 1939 la Germania nazista si espanse (Renania, Austria e i Sudeti vennero occupati) , seguita dall’Italia fascista, con un’arrendevolezza da parte di Francia e Inghilterra. Ciò comportò un cambiamento geopolitico e un drastico mutamento delle relazioni internazionali.

Verso la guerra


La Russia fino al 1939 si era mantenuta neutrale, le altre potenze non credevano che mai si potesse schierare di fianco alla Polonia. Dunque fu a sorpresa che nel 1939 venne firmato il patto Monotolov- Ribbentrop, patto di non aggressione attraverso il quale la Russia e la Germania si spartirono la Polonia (la Polonia dell’est sarebbe andata sotto il potere di Stalin, quella dell’ovest sotto quello di Hiter). Il 1 settembre del 1939 la Germania invase la Polonia: si ebbe così l’inizio della seconda guerra mondiale. Due giorni dopo Francia e Inghilterra dichiararono guerra alla Germania.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email