- Cruenza e la durata della guerra cici,e americane, dipesero dai nuovi mezzi bellici e dai nuovi mezzi di trasporto e di comunicazione, per una rapida dislocazione delle forze, come la ferrovia, il piroscafo, e il telegrafo.

1851 esposizione industriale del Crystal Palace:
Londra la più grande rassegna dei più avanzati prodotti industriali. Siamo alle soglie di una svolta e all'inizio di una uova fase: seconda rivoluzione industriale ma l'Inghilterra perde il ruolo dominante in economia, ma grandi progressi per la vita politica e civile.

Età vittoriana: dopo il 1851 Regina Vittoria (1837-1901)
1850-1867 primo tempo del periodo Riforma elettorale
Protagonisti: forze politiche (partito conservatore e liberale) e uomini.

Partito Conservatore:
Non chiuso alle riforme, non rifiuta le regole del regime pagarla,entrar, condivideva punti della cultura politica liberale.

Partito liberale:
Più sensibile alle esigenze e richieste (ceti popolari)

Più disposto alle riforme, nonostante guidato dalla tradizionale oligarchia e ceti abbienti guadagno la fiducia dei ceti popolari.
Assunse la rappresentanza politica e si fece carico dei bisogni.

I due protagonisti di questo periodo:
(1804-1881) Disraeli (conservatore) famiglia israelita, rinnovò partito dei conservatori più volte al governo.

(1809-1898) Gladstone (liberali): cultura letteraria, sentimenti religiosi.

Dopo il 1867 alla guida dei loro partiti

Prima (1799-1869) Lord Derby conservatore
(1784-1865) L. Palme restino liberale (1855-58) (1859-65) primo ministro.

Appoggia le forze liberali in politica estera (Italia, Danimarca, Polonia)
Sostenne la politica di Cavour
Riforme interne: abolizione tassa sulla carta, pubblicazioni a basso prezzo di giornali e riviste. Non vedeva però di buon occhio il suffragio allargato.

Riforma elettorale 1867
Dopo la morte di Palmerstone varato provvedimento dal gabinetto dei Conservstori con a capo Derby. Auspice Disraeli su sollecitazione liberali.
Il numero degli elettori raddoppio, acquistarono i diritti politici tutti i cittadini maschi che pagavano qualche imposta. Le donne no, insieme ai lavoratori agricoli dipendenti, domestici, e poveri.

Tra il 1857 e il 1862
Costituzione delle Società per Azioni destinate a favorire:
1) il reperimento dei capitali per l'acquisto di nuovi è sempre più costosi macchinari
2) l'aumento e la concentrazione delle aziende
3) investimenti del denaro Nelle fabbriche

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email