simohpe di simohpe
Ominide 849 punti

Al congresso di Vienna la Russia riuscì a consolidare la propria posizione nell’Europa orientale. La vittoria riportata dal suo esercito sulla grande armata, che aveva segnato l’inizio del rapido declino di Napoleone, Le consentiva di assumere il ruolo di protagonista.
Napoleone aveva formato il Granducato di Versavia . Il congresso decise di trasformarlo in Regno di Polonia , con capitale Versavia , ma i polacchi non riacquistarono l’indipendenza , perduta nel 1795.
Anche Alessandro I diede la sua impronta al congresso di Vienna, facendosi sostenitore di un terzo principio, Quello dell’intervento .delle grandi potenze avessero il compito di conservare valori tradizionali i cristiani dell’Europa E voleva che sovrani si impegnassero a salvaguardarli, Prestandosi vicendevole aiuto nel caso fossero minacciati.

Proprio la nascita della Santa alleanza, nel settembre del 1815 , provocò una prima divisione tra le potenze che avevano sconfitto Napoleone. Vi aderirono infatti, Oltre alla Russia , l’Austria, la Russia E la Francia, ma non la Gran Bretagna(decisa a sostenere le idee liberali anche fuori dei suoi confini) E neanche dal Papa. Il governo britannico e l’altro invece nella quadruplice alleanza, stipulata nel novembre del 1815 con Russia, Austria e Prussia – esclusa la Francia-perché essa mirava sostenere il principio dell’equilibrio, in funzione antifrancese. La Gran Bretagna, chiusa nella sua insularità, Grassi dalla vittoria su Napoleone vantaggi territoriali limitati in Europa, Ma importanti strategicamente: l’isola di Helgoland nel mare del nord e l’isola di Malta nel Mediterraneo . Si rafforzò così l’egemonia britannica sui mari.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email