Le rivoluzioni in Europa


Russia e gran Bretagna, mancata penetrazione delle rivoluzioni del 1848.
Ragioni opposte: l'Inghilterra aveva già conosciuto un periodo di riforme, e quindi meglio perseguire le nuove riforme per vie legali.
Russia: priva di una borghesia capace di lottare contro lo zar. Paese chiuso ad ogni voce di progresso.

Le rivoluzioni in Germania e nei territori asburgici: nelle campagne vi era del risentimento per i privilegi feudali ancora esistenti, e per gli obblighi servili.
Proteste sociali anche in Renania e Slesia per industrializzazione.

Vienna, Berlino, Budapest, Praga, aspiravano ad una maggiore politica di stampa, parola, opinione, richiesta di costituzioni e di liberi parlamenti, riconoscimento della propria autonomia.

Insurrezione di Vienna: Ferdinando I licenzia Metternich, che va in esilio, consentì al l'elezione di un'assemblea per redigere la costituzione .

Budapest: proposti separatistici che va verso la costituzione ungherese.

Praga: diviene centro di un movimento slavo e sede di un particolare congresso.

Sul piano sociale, abolito il robot, istituto in cui si compendiavano le ancora esistenti obbligazioni servili.
Isolato il movimento cittadino dall'insieme territoriale, manteneva ferma la fedeltà dellesercito.
Aveva riconosciuto uguali diritti e piena autonomia amministrativa giudiziaria scolastica per tutti i popoli dell'impero.

Sul piano politico: 25.4 Ferdinando I pubblica progetto di costituzione modesto e Vienna insorge di nuovo, Ferdinando I abbandona capitale, governo provvisorio. A giugno le truppe austriache Windiscgrätz riportano ordine a Praga, represse tutte le iniziative degli insorti, dittatura militare, ma Ferdinando I deve convocare assemblea costituente.

Estate 1&48: Austria divisa, Ungheria governo indipendente, movimento nazionale sotto il patriota Kossuth.
Boemia avrebbe voluto uno Stato slavo, liberale, cattolico non più protezione interessata e invadente della Russia.
La Boemia tornata sotto il controllo del governo imperiale.
Vienna nominalmente libera in realtà un'isola in un territorio fedele al l'imperatore.
Ottobre: nuova insurrezione per la causa ungherese, il governo imperiale sotto Feliz Zu Schewarzenberg che aveva sostituito Metternich decise di riprendere il controllo della città e ci riuscì.
Assemblea costituente allontanata, Ferdinando I accettò che salisse al trono Francesco Giuseppe (1830-1916)
Ungheria, unica regione dove la rivoluzione non era stata domata, battute le truppe austriache nasceva un governo provvisorio ungherese presieduto da Kossuth che proclamò la caduta degli Asburgo.

Francesco Giuseppe fu costretto ad accettare l'aiuto dello zar Nicola I.
Giugno 1849 truppe austriache con Ungheria da occidente.
Agosto 1849 la rivoluzione in Ungheria è domata : restaurato il dominio asburgico. Kossuth in esilio, repressione a Budapest .

Registrati via email