Lisa_97 di Lisa_97
Ominide 141 punti

Rivoluzioni del 1848

Scoppiano rivolte in Austria, Ungheria, Boemia, Germania e Italia: vengono concesse la costituzione e l'indipendenza.
Questo periodo è chiamato primavera dei popoli perchè il popolo pensava che le sue aspirazione si stessero avverando.
Venezia insorge contro l'Austria (17 marzo) e proclama l'indipendenza e la Repubblica veneta.
Milano insorge e dopo cinque giorni le truppe austriache si ritirano nelle fortezze del quadrilatero (Peschiera, Mantova, Verona e Legnago); i giorni dal 18 al 22 marzo sono detti le cinque giornate di Milano.
Sollecitato dai Lombardi il re di Sardegna Carlo Alberto dichiara guerra all' Austria; alle truppe piemontesi si aggiungono quelle del papa Pio IX, di Ferdinando II di Napoli e di Leopoldo di Toscana; l'esercito piemontese batte quello austriaco a Goito e Pastrengo ma poi il papa e gli altri stati ritirano le loro truppe.
Le truppe piemontesi vincono nuovamente a Goito ed entrano in Peschiera.

Nell'agosto 1848 i Piemontesi sconfitti a Custoza si ritirano, gli Austriaci a Milano firmano l'armistizio di Salasco (dal nome del generale piemontese).
Alla fine del 48 sorgono nuovi tumulti a Roma e Firenze: nascono la Repubblica Romana e la Repubblica Toscana.
Seconda fase della guerra contro l'Austria: sconfitta di Novara( marzo 1849); Carlo
Alberto abdica e va in esilio, sale al trono il figlio Vittorio Emanuele II.
Brescia resiste contro l' Austria per altri dieci giorni prima di arrendersi e per questo è detta “leonessa d' Italia”.
Intanto a Roma c'era un triumvirato (ossia un governo di tre uomini: Mazzini, Saffi e Armellini) e molti volontari tra cui G. Garibaldi.
Il governo della repubblica aveva adottato una legge agraria→confisca territori della Chiesa e ridistribuzione ai contadini.
Contro il triumvirato la Repubblica Francese manda un esercito respinto dalle truppe di Garibaldi; intanto le truppe di Ferdinando II conquistano la Sicilia, entrano nel Lazio e si uniscono ai Francesi.
Il mese successivo anche Venezia cade e si arrende agli austriaci: le rivoluzioni del '48 erano finite.

Registrati via email