La Rivoluzione del 1830 in Francia

Tensioni durante il regno di Carlo X, il cui governo ostile ai sentimenti di un pur moderato parlamento, nel 1830 Carlo X indice nuove elezioni (prima che la camera di riunisse, colpo di forza) ma il paese legale cioè il ristretto numero di cittadini che godevano del diritto di voto, espresse una maggioranza che nei confronti del governo si ponevano all'opposizione.
- Ordinanze di Luglio (25 luglio): decreti reali: dichiaravano la camera eletta disciolta - nuovo sistema elettorale che privava del diritto di voto i proprietari dei beni mobili (ceti borghesi) favorita la proprietà terriera - rigida censura sulla stampa.


1831 - Indipendenza del Belgio

La Costituzione belga prevedeva una Monarchia Costituzionale, ma escludeva dal trono la dinastia Olandese, gli Orange.
Lotta tra potenze Francesi propone un figlio di Luigi Filippo respinto dall' Inghilterra.

Francia e Inghilterra favorevoli per una intesa cordiale, per la prima volta.
Austria - Russia - Prussia, sfavorevoli, al nuovo stato e alla carta liberale.
1830 protocollo di Londra
1831 Londra conferenza internazionale riconosceva l'indipendenza del Belgio, ne proclamava sovrano il principe tedesco ma legato alla casa regnante inglese: Leopoldo di Sassonia Coburgo (1790 - 1865), e per evitare che divenisse un elemento di squilibrio tra le grandi potenze se ne dichiarò:
- Neutralità Perpetua
1839 Olanda definitivamente sconfitta

Registrati via email