pser di pser
Ominide 5819 punti

IL PRIMO COLONIALISMO ITALIANO

Il fenomeno del colonialismo aveva avuto le sue origini nell’Inghilterra del 600 ma adesso i motivi che spingeva le nazioni ad acquistare o conquistare le colonie erano 3: economicamente le colonie rappresentavano una sorgente di materie prime ed erano delle altre zone dove poter esportare e vendere i prodotti della madrepatria e costituivano una fonte di prestigio internazionale. L’Italia, bruciata sul tempo dalla Francia per la conquista della Tunisia, decide di fare un’azione concreta per avere una colonia e, poiché nel nord Africa era tutto finito, l’unica zona ancora in mano a popolazioni indigene era il corno d’oro, o corno d’Africa: l’Italia allora, in modo alquanto sobrio, decide di iniziare una politica coloniale a partire da tale zona acquistando da una compagnia italiana il porto di Assab che ora diventava di Stato.
Dopo aver inviato in tale zona dei soldati e delle guarnigioni nell’85 il governo decide di occupare il porto di Massaua in Eritrea, conquistando la prima zona significativa: la parte più ambita era però l’Etiopia, quella anche più estesa territorialmente, ma lì vi era un sovrano legittimo e un esercito, anche se ancora attrezzato in parte con lance. Ogni tanto le guarnigioni che erano stanziate in Eritrea sconfinavano fuori dalla loro zona di appartenenza facendo incursioni per vedere se si poteva avanzare: nell’87 però un battaglione fu sconfitto a Dogali e l’Italia decise allora di stipulare un trattato di alleanza con l’Etiopia ad Uccialli.

Il trattato era scritto sia in italiano che in etiope ma, mentre nella parte etiope era scritto che vi era una semplice alleanza con l’Italia, nella parte italiana era scritto che l’Etiopia era un protettorato italiano e che l’Italia avrebbe rappresentato l’Etiopia anche nei congressi internazionali. Al primo congresso gli Etiopi, capendo l’accaduto, annullano il trattato sentendosi presi in giro e allora Crispi decide di fare un’azione più mirata, che gli costerà la poltrona e portò alla crisi di fine secolo: nella battaglia di Adua migliaia di uomini furono uccisi e l’esercito sconfitto

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email