Tra gli Stati che avrebbero potuto complicare il disegno politico di BISMARK intervenendo a favore della Francia c'era il Regno d'Italia, sentimenti filo francesi, per tradizioni politiche della Francia
Per gratitudine nei confronti di Napoleone IOI per interventi a favore della causa Italia, sentimenti diffusi soprattutto negli ambienti della destra condiviso da molti uomini di governo e dal re.

23.1.1871 I volontari di Garibaldi a fianco dei francesi: dal 1861 i rapporti del nuovo Stato e della Chiesa assai tesi
1) questione territoriale: Regno d'Italia si era formato a spese dello Stato e la Chiesa (Lazio, Roma) continuava a ritenere di aver subito sopruso.
- ma l'Unitá d'Italia non conclusa finché non ammessi:
- Il nuovo Stato (come tradizione precedente piemontese) dalle Leggi Siccardi: impronta liberale, Stato e Chiesa separati, alla linea politica di Cavour "libera Chiesa in libero Stato"
- legislazione che metteva fine ai poi vistosi privilegi ecclesiastici, soppresse molte congregazioni, più incameramento dei beni immobiliari, condanna autorità ecclesiastiche

- gravi problemi di governo e opposizione cattolica, la cui intransigenza pericolosa per l'influenza che il clero continuava a esercitare, specialmente su buona parte delle popolazioni rurali.
- libertà di liberare Roma forte nel Partito d'Azione e suo interprete Garibaldi
- difesa di Roma e del residuo Stato della Chiesa assunta dalla Francia con presidio.

Agosto 1862 Garibaldi tra Sicilia e Calabria contingente di volontari "Roma o morte" si proponevano di marciare verso i confini del Dazio.
- governo italiano guidato da Rattazzi confida tolleranza Napoleone IIII ma di fronte alla minaccia del governo Rattazzi dovette inviare le truppe per fermare Garibaldi.
29.8.1862 scontro in Aspromonte.

La convenzione di settembre 1864, Firenze capitale 1865:
Truppe francesi gradualmente ritirate da Toma e governo italiano in segno di rinuncia avrebbe trasferì to la capitale da Torino a Roma. Approfittando del ritiro delle truppe di Garibaldi spedizione per Roma.
21.10.1867 fallito tentativo, scontri a Viola Glori presso ponte Milvio
3 novembre residue forze garibaldine si scontravano a Mentana, sconfitta.

L intransigenze della Chiesa: l'ostinata difesa francese del potere temporale, anacronistica in quanto in quegli anni la Chiesa condanna nei confronti le conquiste civili del pensiero moderno, codificata in documenti ufficiali..

1864: Il Sillabo documento pubblicato in appendice alla enciclica "QUANTA CURA" . Conteneva: catalogo con 80 proposizioni dove venivano elencati e condannati come errori i principi liberali.

8 dicembre 1869: Pio IX preparazione del Concilio Vaticano I, confermati presenti errori moderni, dogma dell'infallibilità del pontefice, in queste circostanze la crisi della guerra Franco-prussiana, viene eliminato dalla scena Napoleone IIII, la curia romana privata della protezione.

Agosto 1870, il presidio francese viene ritirato
12 settembre: le truppe italiane con il comando generale Cadorna entravano nel territorio pontificio senza resistenza
20 settembre 1870 "breccia di Porta Pia": reparto di fanteria e bersaglieri a occupavano Roma.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email