Ominide 30 punti

Furono l'attacco giapponese a trascinare gli USA nel conflitto, questi infatti per contrastare il progetto espansionistico del Giappone, avevano bloccato le esportazioni di materie prime indispensabili alle industrie giapponesi. il 7 dicembre 1941 l'aviazione giapponese attaccò la base statunitense di Pearl Harbor, nelle isole Hawaii, distruggendo gran parte della flotta americana del pacifico. USA e Gran Bretaagna dichiararono guerra ai giapponesi, la cui avanzata fu rapidissima: in pochi mesi essi conquistarono il Sud-Est asiatico e minacciarono India ed Australia. Con l'ingresso nel conflitto degli USA e del Giappone, la guerra assumeva una dimensione mondiale. Intanto l'Europa era quasi completamente sottomessa al nazismo. I territori occupati furono sottoposti a saccheggio, persecuzione feroce contro gli ebrei, a violenza spietata.
1942 il destino della guerra si giocò su 3 fronti:
Nord Africa: Gli inglesi conquistarono tutta la Libia; truppe americane comandate dal generale Eisenhower sbarcarono in Algeria e Marocco, costringendo tedeschi ed italiani alla ritirata.

Isole del Pacifico: la battaglia di Guadalcanal costrinse i giapponesi a mettersi sulla difensiva.
Russia: I tedeschi attaccarono la città di Stalingrado, ma dopo qualche tempo furono circondati dall'Armata rossa. La battaglia si concluse nel febbraio del 1943 con la resa dei pochi tedeschi superstiti. Pochi mesi prima i russi avevano costretto gli italiani ad una terribile ritirata.
Le sconfitte subite dai tedeschi rianimarono i movimenti di opposizione e lotta armata, indicate con il termine di Resistenza.
Tra il 9 e il 10 luglio 1943, gli Anglo-americani sbarcarono in Sicilia, dove non incontrarono nessuna opposizione ed incominciarono a risalire la penisola.
Il 25 luglio 1943 il Gran Consiglio del fascismo votò la sfiiducia a Mussolini. Il re Vittorio Emanuele fece arrestare Mussolini e affidò il governo al generale Badoglio, il quale dichiarò che la guerra contro gli alleati continuava, ma nello stesso tempo firmò con loro l'armistizio. I tedeschi reagirono occupando tutta l'Italia cento settentrionale. Mussolini venne liberato dai tedeschi e fondò la Repubblica Sociale Italiana ( con sede a Salò) e ricostituì un proprio esercito.
L'Italia si ritrovo divisa in 2ù
Il Sud appoggiato dagli Anglo-americani
il Centro-nord occupato dai nazisti e retto da un governo fascista, qui si sviluppò la Resistenza.
Alla guerriglia i nazifascisti rispondevano con la rappresaglia sulla popolazione civile: Fosse Ardeatine, Boves, Marzabotto. Alla fine del 1943 si svolse a Teheran un vertice fra gli alleati; per accerchiare il nemico decisero di fare sbarcare un esercito di 100 mila uomini sotto il comando del generale Eisenhower, sulla costa della Normandia.
Il 25 aagosto 1944 Parigi fu liberata. L'armata rossa intanto liberò i Balcani, la Polonia, l'Ungheria; a fine aprile entrarono nella città di Berlino e Hitler che si era rifiutato di arrendersi, si suicidò nel suo bunker.
Il 25 aprile l'Italia fu liberata definitivamente; Mussoline, catturato dai partigiani, fu fucilato.
Ma il Giappone continuava a combattere; allora il nuovo presidente degli USA Harry Truman fece lanciare la 1a bomba atomica su Hiroshima e 3 giorni dopo su Nagasaki. Le 2 città furono completamente distrutte; i morti furono più di 150 mila, il numero delle vittime provocato negli anni successivi dalle radiazioni è incalcolabile.
La resa del Giappone segnò la fine della 2a guerra mondiale.

Registrati via email