Allo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914 le forze franco-britanniche invasero la colonia tedesca del Camerun. Al termine del conflitto nel 1918 le regioni settentrionali furono assegnate all'Inghilterra e annessi alla Federazione della Nigeria. Il primo dopoguerra fu un periodo relativamente florido che portò a un forte incremento dello sviluppo civile ed economico. In tutto il continente africano si vide sorgere le richieste che ponessero fine al sistema dell'amministrazione indiretta a favore di una partecipazione attiva dei popoli africani nella gestione delle proprie terre. Si chiedeva inoltre, ai governi delle colonie, l'impegno a contribuire al conseguimento dell'autogoverno nei diversi paesi, a porre fine alle discriminazioni razziali e a fondare scuole e università. Fu in questo clima che il governo di Londra nel 1922 concesse l'ingresso all'interno del parlamento britannico di rappresentanti appartenenti al popolo nigeriano: due membri per Lagos e uno per Calabar eletti direttamente dalla popolazione. È significativo il fatto che gli aspiranti candidati dovessero percepire un reddito di almeno £ 100 (sterline) annuo. Benché fosse ancora fortemente limitato, veniva in questo modo introdotto il principio dell'elezione diretta; questa concessione portò per la prima volta alla formazione di una classe politica indigena che tendeva a cavalcare l'onda crescente del malcontento popolare. Nel frattempo la parte meridionale del paese e cominciava a mostrare la propria insofferenza nei confronti del colonialismo e degli inglese. Nel 1929 ci fu una sommossa nella parte orientale della Nigeria dovuto all'introduzione di un tipo di amministrazione diretta e di una tassazione regolare tra gruppi etnici che fino a quel momento avevano vissuto in "società acefale" nella più totale indipendenza; proprio la mancanza di forme gerarchiche aveva infatti impedito al governo inglese di applicare il sistema dell'Indirect rule.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email