I mutamenti economici in Germania: dal punto di vista politico c'era la stasi, il Vonmärtz, mentre per quanto riguarda l'economia, ci fu l'unione doganale, lo Zollverein, lo sviluppo della rete ferroviaria, entrambe con l'iniziativa della Prussia.

Ruolo della Prussia; la Germania è ricca di risorse, ma lo sviluppo era ostacolato dal frazionamento politico, che impediva il commercio gravando la circolazione delle merci con dazi di transito e gabelle.

Dal 1848: Prussia capì e si fece promotrice di una politica di unione doganale lo "Zollverein" creazione di un'area di mercato che superando i confini politici consentisse la libera circolazione delle merci.
1834 l'unione doganale raggiunge 17 stati
1844 dallo Zollverein tutti gli stati tedeschi sono esclusi:
Austria, Hannover, holdenburg
Città anseatiche: Amburgo, Brema Lubecca che preferivano mercato inglese
La Prussia si proponeva in concorrenza con l'Austria come guida dell'unificazione nazionale

Lo sviluppo dell'industria: anche se il territorio era composto da diversità tra aree indipendenti e aree ancora agricole.
1840 le miniere della Ruhr attive, e officine di Krupp producevano una buona qualità di acciaio.
1838 governo prussiano, interviene per sostenere la costruzione della rete ferroviaria nell'insieme del territorio germanico, 5000 km (1850).

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email